domenica 22 maggio 2016

Fantasticare!!

Tra pochi giorni finiranno le scuole e molti bambini, appena finita la scuola, saranno pronti per affrontare l'avventura del campo estivo.

La maggior parte delle mamme lavorano ed il campo estivo è una grande risorsa per far passare il tempo in compagnia ai propri bambini .
Ma quando le mamme non lavorano, siete sicuri che il campo estivo sia assolutamente necessario per un bambino??
Io me lo sono chiesta.

Oggi tutti fanno attività anche agonistiche, tutti devono fare sport, musica, lingue, corsi di cucina....tutti i bambini devono saper far tutto .
Sicuramente è giusto, ma questi bambini non conoscono cosa sia l'ozio !
Parlo di quell'ozio piacevole che avevamo noi bambini di tanti anni fa.
Quell'ozio che ci dava il tempo per fantasticare, per avere la testa tra le nuvole, per inventarsi storie, quell'ozio che alimentava la fantasia, la creatività.



"Una ne fai ed una ne pensi", mi dicevano le nonne....è vero!
Chiunque di noi ne faceva una e ne pensava un' altra, facevamo lavorare la fantasia !
Non avevamo i mezzi tecnologici di oggi, ma forse pur essendo molto più avanti delle precedenti generazioni, i bambini di oggi non sanno cosa sia starsene tranquilli a fantasticare.
Hanno tutto programmato, tutto pronto, devono fare attenzione a fare punti ai giochi sul cellulare o sull'I-pad o sull'I-pod, ma non hanno bisogno di pensare troppo e di creare niente che già non sia già stato preparato per farlo usare a questi piccoli geni dell'informatica, che spesso davanti ad un tema in classe, non sempre riescono a ragionare con la loro testa.

Fantasticare, oziare, oggi sembra superato, sembra da fannulloni, ma dopo un anno scolastico pieno di impegni come sarebbe bello poter insegnare ai nostri bambini, che il dolce far niente non è sempre negativo.
Basta non sprecare il tempo sempre impegnati in qualche gioco tecnologico od alla televisione.

Oziare su un divano con un libro in mano, fermandosi ogni tanto a pensare o a domandare, può aprire mondi bellissimi, inesplorati, dove la fantasia può portarti molto più in profondità di quanto si possa immaginare.
La compagnia di libri e del proprio cervello, lasciato libero da vincoli ed impegni, potrebbe sorprenderli e far capire quante cose possono passare per la mente.
So già che sto solo facendo retorica e fantasticando .... in fondo anch'io in questo momento non ho in mano un libro, ma un tablet!
Se sono tecnologiche le nonne, come si può chiedere che non lo siano troppo i nipoti ???
Buona domenica dalla vostra nonna Pat

8 commenti:

  1. La fantasia...tu che voli in posti lontani, magari nei luoghi immaginari letti nei libri, e ancora oggi ricordo con piacere.
    Hai ragione sui questi bimbi troppo avanti, però il progresso non si può fermare, però si può insegnare ad usare questa tecnologia in modo creativo...fare una ricerca virtuale ma poi toccare,provare nella realtà. ..be io non ho figli ,ma penso che cercherei di fare questo.
    Una buona domenica cara nonna Pat e ti regalo con la fantasia una rosa del mio giardino per la festa di Santa Rita ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno carissima Katia, infatti si cerca di mettere regole ma spesso bisogna ricorrere a punizioni...tipo 2 giorni senza navigare ecc ecc, perché come prende noi grandi i bambini ormai sono molto dipendenti da questo mondo virtuale.
      Le nostre leggono, ma dovrebberero farlo di più.
      Non siamo mai contenti ah ah
      Grazie per la tua bellissima rosa
      Buona settimana
      Un abbraccio, da nonna Pat❤

      Elimina
  2. Condivido le tue parole, i nostri bimbi ormai hanno giornate organizzate come fossero piccoli manager!
    Ma il famoso tempo libero che fine ha fatto? Quello da riempire, come dici tu, soltanto con la loro fantasia e tanta creatività.... a che a costo di sentirli dire mi annoiò, ma come mi disse un giorno la mia pediatra......chi ha detto che i bimbi non si possano annoiare?sta a loro imparare a vincere la noia!
    Per Quanto riguarda le tecnologie è vero che fanno parte della loro vita ma va dosata, come a noi dosavano la tivù e come noi l"abbiamo dosata ai nostri figli!
    Un abbraccio
    Emanuela

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Emanuela nonna Pat ❤
    Sogni d'oro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonanotte , in ritardo di un giorno, ma con il ❤

      Elimina
  5. Io sono una che ancora adesso viaggia con la fantasia...come non essere d'accordo con te!!!Eppure i bimbi che ho ora in classe non hanno fantasia e sono spesso annoiati d'ogni cosa...altro che oziare con un libro e la mente che vole per altri luoghi!Ci provo in classe,ci provo con figli e nipoti,ma pare una battaglia persa...Comunque non demordo...magari con qualcuno ce la farò!
    Grazie!

    RispondiElimina
  6. Cara Lorenza, aspettavo il tuo commento da 'addetta ai lavori'ah ah
    Mi dispiace che tu mi confermi i dubbi che mi sono posta, le mie nipoti piccole, dimostrano fantasia nei disegni ed una anche nell'inventarsi storie e farci ridere ma la mia paura è che sia troppo poco in confronto a quanto la loro mente potrebbe produrre !
    Grazie, un abbracvio
    Pat❤

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...