domenica 20 luglio 2014

Nonna Beppina (parte terza)


Il nonno Baldo, marito della Beppina, dopo aver lavorato tutta la vita il ferro battuto, facendo dei pezzi bellissimi di cui conservo ancora il ricordo...divenne cieco e da uomo appassionato di lettura e teatro, si dovette adeguare a piccole soddisfazioni.

La nonna Beppina e il nonno Baldo
Io lo seguivo volentieri e pur essendo molto piccola, lo stavo ad ascoltare, incantata dai suoi racconti e quando lui voleva andare a fare una giratina, gli prendevo il suo bastone bianco e lo accompagnavo al bar, dove lo aiutavo a comprare le sigarette, che vendevano sciolte, non impacchettate come adesso e senza filtro...fumava le SPORT...puzzolentissime sigarette di allora! Compravamo 2 SPORT e prendevamo una schedina del totocalcio.
Ci sedevamo ad un tavolino e mentre lui fumava, inondandomi della nube grigia che si formava intorno a noi ...lui si godeva le 2 sigarette ed io che ancora non conoscevo i danni del fumo passivo, lo acoltavo bevendo mezza spuma che lui mi comprava sempre.
Ripensandoci il nonno assomigliava un po' ad Hamphrey Bogart...con quei capelli sempre neri anche da anziano ed impomatati....teneva la sigaretta un po' calata..ai lati della bocca.proprio come fa lui nel film Casablanca....tenendola poi  tra le dita gialle di nicotina....mentre assaporava la gioia di quel fumo che stava attraversando i suoi polmoni...senza pensare che le sue amate SPORT..lo avrebbero presto portato al Creatore..
Poi prendevo il mio lapis copiativo, non esistevano ancora le Bic...bisognava leccare il lapis e scrivere ....gli leggevo le squadre che giocavano e lui mi dettava i risultati che pensava...1..2 ..X..che  lui puntualizzava ICCHESSE, in Toscano con l'accento sulla I!
Prima di uscire dal bar mi chiedeva sempre" Patrizina lo vuoi un gelatino ? "...ed io che non sono mai stata un appassionata del gelato..."no grazie nonno...se si può avere solo il cono, lo prendo volentieri !" (E questa bizzarra abitudine ce l'ho ancora...ah ah )
La nonna Beppina, dopo che lui se ne andò volle conservare tutte le sue abitudini e cominciò a giocare al Totocalcio tutte le settimane.
Diceva che se vinceva voleva comprare un villino in Viale dei Colli alla sua Marisina...cioè mia mamma.
La nonna Beppina credeva veramente che prima o poi avrebbe vinto e voleva sempre che io e la mamma andassimo con lei a vedere i "Villini "in vendita nella zona che piaceva tanto alla mamma esattamente il viale che porta al famoso "PIAZZALE MICHELANGELO" a Firenze.
Da piccola credevo che la nonna Beppina fosse veramente molto ricca, perché non fidandosi delle banche i soldi della pensione li teneva tutti in borsa, quella borsa non la mollava mai, noi nipoti non potevamo neppure avvicinarci a quella borsa, ci sgridava, cosa che lei sempre così allegra non faceva mai...MA La BORSA...no !
Per questo pensavamo che dentro ci fosse veramente un tesoro!
Anche in estate quando si andava in vacanza al mare, tutte avevano comode borse di paglia, lei veniva in spiaggia con il prendisole e la borsa di pelle nera stretta sotto braccio, facendosi prendere in giro da figli e nipoti.
Ma non dava retta a nessuno, se decideva che così doveva essere poteva cascare il mondo ma non cambiava idea.
Dicono che è più facile somigliare ai nonni che ai genitori ed io da lei ho preso la positività e la caparbietà delle mie idee....non sono invece mai stata attaccata ai soldi come era lei!
Al Totocalcio non vinse mai, il villino non lo lasciò né alla Marisina né a me....purtroppo sarebbe stato meglio....perché la cosa che mi ha lasciato e che non avrei mai voluto avere ...sono le sue belle gambe grosse ah ah ah...io che sognavo di avere gambe da gazzella...ho dovuto soccombere a questo tipo di indesiderata eredità!

Oggi non direte che vi ho fatto piangere con la nonna Beppina ...è impossibile!

Buona domenica dalla vostra nonna Pat...cantastorie con amore♥♥




giovedì 17 luglio 2014

Come si mangia bene e veloce da SANDRO..del BAR S. FRANCESCO

Quando vogliamo mangiare, bene, sano e gustoso...ma velocemente, attraversiamo la strada ed andiamo da Sandro del Bar S. Francesco...che fortunatamente è proprio davanti al nostro negozio in via S. Trinita!
 




Si mangia bene come a casa, ci sono tantissimi tipi di primi secondi e dessert....od anche sfiziosissimi panini.
Io che sono un abitudinaria...tutte le volte rileggo il menù ..mi rileggo tutti i primi...anche con pesce...o le ottime carni bianche...e poi prendo quasi sempre Taglierini ai pinoli e pomodorini....una goduria !

 
Bruno sceglie spesso i taglierini alla chitarra con vongole...ottimi.
Questa volta dopo il primo ho deciso per un rustico con pomodori e mozzarella ...ma assaggio volentieri anche l'Insalata Nicoise!

 
 
La colazione, come la merenda o lo spuntino, possono essere un momento di grande soddisfazione per i golosi che si troveranno davanti al bellissimo banco che c'è al S. Francesco.
Sandro ha una grande passione per la cucina ed oltre che fare servizio catering, fa molte cene a tema... che fanno sempre il tutto esaurito!

Per me avere questo locale di fronte al negozio, è una grande comodità perché, pur amando tantissimo cucinare, anche le cuoche ogni tanto devono riposare e sperimentare la cucina degli altri...e qui ci sono tutte le ricette giuste per mangiare bene, con prezzi ottimi...che non fanno sentire la cuoca in colpa di avere fatto sciopero per un giorno ah ah ah!

Vi consiglio di provare !!!
Buona giornata dalla vostra nonna Pat 


domenica 13 luglio 2014

IL GUANTIFICIO "PATRICK"...

Chi ha letto i miei racconti ricorderà che mio padre da giovane si occupava di maglieria, poi come ho già raccontato, con la mamma decisero di mettere un guantificio.
Il babbo voleva chiamarlo "Guantificio Tangocci"...nooo ...a me non piaceva, vi ricordate il post dove dico che il mio cognome non mi piaceva.
La mamma voleva "Guantificio Patrizia"...nooo...dopo guerra iniziavano ad andare di moda nomi stranieri, così fu trovato un compromesso...il mio nome al maschile inglese:
"GUANTIFICIO PATRICK"
....e questo era il biglietto da visita
(che come ogni mia foto di famiglia, porta i segni dell'alluvione del '66...).

Sapete ormai, che ero una bambina ambiziosa ed attenta alle cose che venivano decise in famiglia, perciò dopo aver scelto il nome, io ero orgogliosissima che avremmo avuto una ditta e lo volevo dire a tutti...era il periodo della rinascita del dopoguerra e pensavo che i miei genitori sarebbero diventati famosi con questo nuovo lavoro.
Il Guantificio aprì, arrivarono subito delle operaie per fare i guanti, la mamma si occupava dei modelli, era molto brava a disegnare e realizzava gli schizzi dei guanti che lei ed il babbo, volevano proporre ai clienti.
Io non vedevo l'ora di aiutarli e per farmi contenta mi facevano fare piccoli lavoretti, sarei stata volentieri a rispondere al telefono, ma me lo impedivano.

Poche settimane dopo l'apertura del Guantificio, una mattina io e la mamma eravamo in casa e si presentarono a casa nostra 2 distinti signori.
Chiesero se avevamo un Guantificio, e la mamma rispose
"No, vi sbagliate non abbiamo nessuna ditta" .
Loro insistevano "Mah... allora ci hanno informato male"
...se ne stavano andando...ed io non capivo perché la mamma non volesse avere per clienti quei distinti signori....era impazzita...dovevo in qualche modo aiutarla a ritrovare la memoria!
Mentre se ne stavano andando dissi:
"Scusate forse la mamma non ha capito bene, vi posso aiutare io...il nostro guantificio è in via Giambattista Vico 21, il babbo è lì sicuramente, se volete so anche il numero di telefono a memoria!!!"
"Grazie bambina...ci sei stata di grande aiuto, ci basta l'indirizzo!"
Ho ricevuto uno schiaffo, che me lo ricordo ancora, la mamma era verde....mi disse che avevo combinato un disastro!

Quando i signori arrivarono dal babbo, lui rimase di sale..."Ma scusate siamo aperti da pochi giorni, come ci avete trovato?...ci stiamo mettendo in regola!"
"Mi raccomando stasera quando torna a casa....sia bravo con la sua bambina....la "soffiata" sul vostro indirizzo ce l'ha data lei!"
...AVEVO MANDATO LA FINANZA AL GUANTIFICIO!!!


Nonostante questo incidente, il guantificio ebbe molto lavoro finché ci fu la mamma...io ho amato tanto "la ditta di babbo e mamma"....peccato non averla potuta avere più, ma questo ve lo racconterò un altra volta....
Buona Domenica amiche care...raccontavo storie anche da piccola, ma quellla volta la raccontai alle persone sbagliate!! Ah ah ah....

sabato 12 luglio 2014

INSALATA DI POLLO

In estate faccio spesso l'insalata di pollo, in genere preferisco farlo con i sopraccosci disossati e prima grigliati.
Questa volta invece i sopracosci disossati sono stati lessati, perchè avevo fatto un delicato brodo di pollo per la minestrina delle nipotine !!!
Come tutte le insalate estive, gli ingredienti che si possono usare sono infiniti, ed a piacere personale. la mia insalata è come sempre molto semplice non troppo carica ...ma gustosissima !

                                                       INSALATA DI POLLO
                                      
Ingredienti
Sopraccosci di pollo disossati , grigliati o lessati
Insalatina gentile
pomodori ciliegini o S. Marzano
capperi
prosciutto cotto

olive verdi ,olive nere
maionese
carote grattate
(avevo dei peperoni gialli grigliati gli ho usati )
olio pepe sale

Tagliare il pollo a striscioline, mescolare tutti gli ingredienti detti in una zuppiera ,tagliando tutto a piccoli pezzi,mescolare con il pollo .olio pepe sale
Preparare un vassoio con il letto di insalatina decorare con pomodorini condire con olio spruzzatina aceto sale pepe ed adagiare sopre l'insalata di pollo preparata.
Alla fine decorare se piace con maionese !

E'così semplice questa ricetta che mi vergogno quasi a pubblicarla, ma sapete che le mie nipoti grandi devono imparare e per voi che siete brave ...può essere solo un suggerimento ..un idea in più  !!
Buon appetito con la vostra nonna Pat <3

giovedì 10 luglio 2014

Panzanella...croccante!...e con i fagiolini verdi !!!

Per far mangiare la verdura ad i bambini e fare una ricettina sfiziosa anche per i grandi vi consiglio:

LA PANZANELLA CROCCANTE


Servono alcune fette di pane di 2 o 3 giorni prima
Fagiolini verdi lessati
pinoli
basilico
scaglie di parmigiano
olio sale
aceto (se vi piace, io per questa ricetta uso quello di mele, ma potete anche non metterlo.)
Battutino di aglio e prezzemolo più un po' di peperoncino...se non ci sono bimbi.




Lessare i fagiolini in acqua calda salata, scolare appena cotti e far raffreddare.
Tagliare le fette di pane a dadini, e farle tostare in forno, che siano appena croccanti.
In un' insalatiera mettere i fagiolini tagliati a piccoli pezzi, i dadini di pane croccanti, olio, sale, pinoli, basilico tagliato con le mani, a pezzettini....mescolare il tutto con un mestolo, far insaporire facendo riposare per 15 minuti, aggiungere scaglie di parmigiano.
A piacere una "macinatina" di pepe, aceto e battutino aglio, prezzemolo, peperoncino.

Servite aggiungendo se necessario un filo di olio...e come sempre
Buon appetito...croccante dalla vostra nonna Pat♥

 

mercoledì 9 luglio 2014

Tortino di acciughe e patate, anche oggi...in gara di velocità!

Questo TORTINO DI ACCIUGHE è velocissimo e fa bella figura ( a parte che dalle mie foto fatte col cellulare, non sembra ah ah ah)
 
 
 
Io dalla mia amica Licia della Pescheria da Masco (di cui vi ho già parlato IN QUESTO POST )  mi sono fatta preparare 500gr di acciughe, già pulite come sempre lei le consegna ai clienti.
 
Servono poi 5 patate
del prezzemolo
aglio
olio
sale pepe origano


Preparare una pirofila da forno possibilmente tonda, mettere un filo olio sbucciare e tagliare le patate abbastanza fini e tonde.
Accendere il forno perché si riscaldi, sistemare uno strato di patate a cerchio, spolverare con trito di aglio e prezzemolo pepe sale, fare uno strato di acciughe stesso trito, più un filo d'olio, ricoprire con un ultimo strato di patate spolverizzare ancora con il trito fatto, più sale pepe ed origano ( se non vi piace l'origano sostituire con rosmarino io come sapete uso erbe provenzali)

Mettere in forno caldo a 180gradi per 30 minuti e servire caldo!

Vi assicuro che avendo le acciughe pronte se le preparate velocemente, mentre apparecchiate e mangiate uno spuntino, saranno pronte!
Buon appetito anche oggi... in gara di velocità!
dalla vostra nonna Pat
 
PS: perdonate la pessima qualità delle foto!

martedì 8 luglio 2014

Tortellini freddi

Fate mai i tortellini freddi?
Io li faccio spesso in estate perché mi sembra una buona alternativa alla pasta ed riso freddo.

TORTELLINI FREDDI


X 4 PERSONE
250gr di tortellini
1 mozzarella
2 pomodori S.Marzano
prosciutto cotto tagliato alto per fare dei piccoli dadini
(a noi piacciono anche sostituendo il prosciutto cotto con bresaola)
olive verdi e nere a pezzettini
capperi
basilico
...e tutto ciò puo essere sostituito dalle cose che più vi piacciono...
olio sale pepe


Cuocere i tortellini al dente passare sotto l'acqua velocemente per fermare cottura, nel frattempo preparare tutti gli ingredienti in una ciotola e condire con olio sale pepe .
Aggiungere i tortellini, mescolando bene mettere in ultimo il basilico, mettere in frigo per un' ora, aggiungere un filo olio e grattatina di pepe prima di servire.

Come al solito semplice veloce estivo!
Buon appetito con nonna Pat ♥

sabato 5 luglio 2014

FILETTO DI MAIALE CON PATATE

Faccio raramente ricette con il maiale, che pur essendo buonissimo ed ormai meno calorico di tante altre carni, non è molto amato in casa mia eccetto la rosticciana che faccio solo in inverno sulla brace oppure il filetto.
In genere lo faccio in crosta come la ricetta del polpettone in crosta, vi ricordate?
(in ogni caso se volete rileggerla LA TROVATE QUI )

Oggi invece faccio semplicemente :

FILETTO DI MAIALE IN FORNO CON PATATE

ricetta semplicissima e veloce:
un filetto di maiale
6 patate
uno spicchio di aglio
aromi per arrosto...io faccio un trito di salvia e ramerino sale pepe.

Mettere poco olio nella pirofila
sbucciare le patate e tagliarle a fette, porle nella pirofila, con il misto di aromi.
Strofinare il filetto di maiale con lo spicchio di aglio e gli aromi, massaggiandolo brevemente per far incorporare bene.
 
Mettere il filetto sopra le patate ungerlo con un filo di olio, un po' anche sulle patate, coprire con carta forno e porre la pirofila in forno a 200 gradi per mezz'ora...scoprire dalla carta forno...generalmente è perfetto se vi sembra che non sia ben colorito , togliere carta forno e lasciare ancora in forno 5/10 minuti.
Il Filetto e le patate cuociono praticamente nello stesso tempo.
Oggi non mi sono molto impegnata ...una ricetta così ..la sa fare qualsiasi principiante  ah ah

Comunque ..vi auguro come sempre Buon appetito con nonna Pat ♥

venerdì 4 luglio 2014

PASTA SUL TONNO

Una semplice ricetta per chi non vuol mangiare carne, ma ama la pasta gustosa, carica di sugo...fatto con il tonno...piace a tutti, alle mie nipoti, solo la più piccola non la mangia ma 1 su 5 ..è un' ottima media, vale la pena fare :
PASTA CON IL TONNO
 

 Ingredienti x 4
350/400 gr di pasta corta
un vasetto di tonno sott'olio
pomarola fresca se l'avete o passata di pomodoro
olio, pepe sale
aglio 1 spicchio grosso o 2 piccoli
se vi piace alla fine qualche foglia di basilico

In una teglia larga mettere l'aglio ITALIANO, mi raccomando, senza anima, a pezzetti con olio evo, appena insaporito mettere subito il tonno spezzettato far insaporire ed aggiungere passata di pomodoro che ricopra bene il tonno, io abbondo perché...siamo golosi...ah ah

Aggiustare di sale, far cuocere lentamente con coperchio per 10 minuti, aggiungendo se necessario un po' di acqua calda se troppo asciutto.
Appena avrà raggiunto la consistenza giusta mettere nella teglia la pasta cotta al dente e far amalgamare bene perché prenda il sugo, aggiungere una macinatina di pepe, ed a piacere, basilico !

 
In questa pasta, nonostante sia col tonno, sta molto bene anche il parmigiano, se poi non ci sono bimbi piccoli è ottima anche aggiungendo il peperoncino.

Anche oggi la vostra nonna Pat vi augura buon appetito e vi ringrazia delle vostre visite e dei vostri commenti....
mi state rendendo molto ...CONTENTA !
 ;)
 
PS: sul "perché dico contenta, anziché felice", leggete QUESTO POST QUI


giovedì 3 luglio 2014

Un classico che non stanca mai...il ROASTBEEF!

Un altro pezzo forte della cucina della nonna Beppina era il "ROASTBEEF".
Anche io lo cucino e lo mangio molto volentieri...in questo tutte e 5 le mie nipoti mi somigliano...se voglio essere sicura di accontentarle cucino il :

ROASTBEEF
 
 Ingredienti x 6 persone
per fare un buon roastbeef l'importante è il taglio della carne non farlo mai sotto gli 800 gr.che basteranno per 6 persone, prendere: rosetta o scannello, di ottima qualità...(io ho la macelleria di fiducia, vi consiglio di avere sempre un macellaio che vi assicuri la qualità)
Olio, sale pepe
mezzo bicchiere di vino rosso ...o una spruzzata di aceto balsamico.



Prendere un tegame alto che abbia il suo coperchio.
Mettere abbondante olio evo farlo scaldare bene e porre la carne, che avrete prima legata con uno spago da cucina.
Farla rosolare bene da tutte le parti a fuoco vivo per circa 5/6 minuti appena sarà bello colorito da tutte le parti, coprire il tegame, mantenendo la fiamma alta e scoprendo ogni tanto per rigirare la carne.
In circa 15 minuti dovrebbe essere pronta, mantenere ancora il fuoco alto girando sempre con 2 mestoli di legno per non bucare la carne, a questo punto buttare il vino rosso, o una spruzzata di aceto balsamico, fiamma sempre alta coprire di nuovo salare e pepare..spengere il fuoco.


Lasciare riposare la carne per almeno un paio di ore, affinché possa fare quel bel sughetto tipico di questa ricetta.
Al momento di servire tagliare il Roastbeef a fettine molto sottili (a noi piace fine, voi se lo preferite più alto fate secondo il vostro gusto), riempire un bel vassoio, ricoprite con il sughetto..o se volete servire il sughetto in una salsiera ed ognuno lo prenderà a proprio gradimento.!
A me sembra sempre di avere fatto tanto sughetto...ma non basta mai, molti lo mangiano anche con il pane...scarpetta a volontà...non sarà bon ton...ma è molto bon ah ah ah

Alla fine di ogni ricetta io vi auguro sempre Buon Appetito...dice che non è più di moda, non è educato dirlo quando siamo a tavola...siccome qui non siamo a tavola ed io spero che le mie ricette vi facciano venire appetito...io vi continuerò sempre ad augurare:
Buon appetito con nonna Pat...e vi mando anche un bacio!
 
 

mercoledì 2 luglio 2014

Il TONNO...DI CONIGLIO!

Mentre scrivo le ricette tratte da quelle delle nonne, mi accorgo di come erano organizzate, direi sincronizzate nel loro menàge della conduzione di casa mia. Come ricorderete, il turno di nonna Olimpia era dal lunedi al giovedi, la nonna Beppina dal giovedi al lunedi!
Se l'Olimpia faceva il sugo di coniglio, comprava un intero coniglio usando solo il davanti come vi ho detto per il sugo, poi arrivava la Beppina e con il resto se non lo aveva cucinato tutto l'Olimpia, ci faceva il brodo di coniglio per poi fare una gustosissima ricetta, che può sembrare invernale, ma è ottima anche in estate :

IL "TONNO" DI CONIGLIO
 
 
cosce di coniglio
odori, carota sedano, prezzemolo, piccola cipolla
olio evo
rosmarino
alloro
sale pepe
un barattolo di vetro con chiusura ermetica

Far bollire l'acqua salata con gli odori, quando è abbastanza calda mettere nell'acqua le cosce del coniglio, fare un brodo, che risulterà  così leggero adattissimo per bambini ed anziani.

Appena le cosce saranno cotte, toglierle dal brodo, porre su un tagliere e far raffreddare.

Preparare un barattolo di vetro a chiusura ermetica, mettere dell'olio evo, appena il coniglio è freddo prosciugare con carta assorbente farlo a piccoli pezzi e porlo nel barattolo con l'olio, sale pepe, alloro rametto di rosmarino, lavato ed asciugato.
Fare vari strati con lo stesso sistema, aggiungere olio per ricoprire il tutto, chiudere, mettere qualche ora il barattolo capovolto per amalgamare il tutto, consumare subito o nel giro di una settimana se tenuto in frigo.

Vi assicuro, che non ci sarà bisogno di tenerlo in frigo....perché è così gustoso che verrà sicuramente finito! Ottimo in questa stagione se servito con un insalata e maionese!

Ricetta antica, perfetta per chi e' a dieta, sia alimentare che per....la linea ah ah !


Buon appetito da nonna Pat....questa volta con nonna Beppina!
 

martedì 1 luglio 2014

INSALATA DI RISO

L'insalata di riso era un piatto molto in voga negli anni 90! Adesso si fanno più farro, cous cous, ma io la ripropongo volentieri anche se tutti la conoscono perché mi ricorda le calde sere d'estate quando i miei figli adolescenti mi portavano tanti amici a casa e tra le altre pietanze non mancava mai :

L'INSALATA DI RISO



Riso Canaroli (quantità 2 pugnelli a testa)
Pomodori S.Marzano o datterini
una fetta formaggio Groviera
Wustel( maiale o pollo a piacere)
2 uova sode
capperi
qualche foglia insalata
basilico
olio, sale pepe

 
Lessare il riso in acqua salata, cuocerlo al dente ma non troppo, mettere in uno scolapasta con sotto una scodella perché perda tutta l'acqua e farlo riposare in frigo.
Nel frattempo lessare le uova e farle raffreddare, iniziare a tagliare a piccoli pezzi tutti gli ingredienti, mescolarli tutti compreso un uovo sodo.
Mettere riso ed ingredienti preparati in una insalatiera, mescolandoli bene, aggiungere olio, basilico spezzettato con le mani , decorare con l'uovo rimasto, capperi e servire.
A volte aggiungo...un po' di salsa di soia, ma solo singolarmente, perché non a tutti piace...ed anche perché..l'insalata di riso non la prevedeva...non essendo ancora in uso nella cucina tradizionale.

Questa è la mia INSALATA DI RISO....molti aggiungono sottaceti, sottoli, peperoni arrostiti...ha tantissime interpretazioni, ma voi sapete che io amo i piatti semplici.
Buon appetito con nonna Pat!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...