martedì 20 agosto 2019

POLPETTINE AL POMODORO

 Questa è una ricetta facilissima che ogni cuoca fa con il proprio metodo , ma io oggi voglio proporla anche se le farete benissimo ....sono troppo buone le mie polpettine per non dare loro un po' di soddisfazione!!!!
Per fare la foto ho dovuto nascondere questo piatto di polpettine ...
sapevo che altrimenti non avrei potuto farvele vedere ...le polpettine al pomodoro sono come le ciliege, una tira l'altra ah ah


POLPETTINE AL POMODORO





Ingredienti x 4 persone
500g macinata vitello
1etto mortadella
parmigiano grattugiato
se vi piace ..mollica di pan bagnata nel latte (ma io non l'ho messa )
1uovo
pizzico di sale perchè c'è mortadella ,se vi piace noce moscata
pangrattato
passata di pomodoro
olio evo




Tritare la mortadella aggiungere la carne macinata , l'uovo ,il parmigiano, poco sale poco pepe o noce moscata se vi piace ..mescolare tutti gli ingredienti e fare riposare in frigo per mezz'ora.
Se non avete tempo va bene anche farle subito, ma se riposa l'impasto rimane più compatto per fare le polpettine.
Intanto in una padella mettere l'olio, con la passata di pomodoro, far cuocere lentamente aggiutando di sale ...preparare le polpettine passandole velocemente nel pangrattato, se la passata è troppo ritirata aggiungere poca acqua calda ...poi ad una ad una mettere le polpettine a cuocere coprendo con coperchio per far cuocere bene dentro .
Rigirare apena sono cote da un lato e coprire nuovamente ...non far ritirare troopo la salsa di pomodoro , perchè mangiare qesto sughetto co le polpettine è un vero piacere .
Un piccolo, facile , semplice piacere per il palato !!!



lunedì 19 agosto 2019

Torta con gelatina di lamponi

Insieme alla mia aiutante, la nipotina Maria, ho fatto per la prima volta questa torta facilissima .
Volete provare a farla ??
E' molto buona,si può fare anche con fragole o frutti di bosco .



TORTA CON GELATINA DI LAMPONI



Ingredienti

200 grammi di farina, io ho usato Manitoba 0
200 grammi zucchero
succo di 2 limoni , circa 140 grammi
120 olio semi
3 uova
80g farina di mandorle
1 bustina di lievito
buccia di 2 limoni
pizzico di sale


Mescolare in un unica ciotola tutti gli ingredienti, prima i liquidi ,cioè :
Succo di limone ,olio ,uova, poi aggiungere i solidi farina ,zucchero.farina di mandorle.lievito , buccia limoni, pizzico sale.



Mescolare bene con una frusta tutto insieme anche in una sola volta,poi mettere in forno a 175 gradi per 35/40 minuti.


Far raffreddare, poi ricoprire con una gelatina fatta con



180 grammi di zucchero a velo
una confezione di lamponi
40 grammi di burro


Tenere da parte qualche lampone per la decorazione e frullare il resto che lo mescolerete con lo zucchero a velo ed il burro,poi aggiugere poco a poco tutto il liquido e creerete una gelatina da mettere sul dolce e decorare con i lamponi.


Spero che vi piacerà come è piaciuto a noi!
Vostra nonna Pat <3


venerdì 16 agosto 2019

Pomodori messicani!

Questa ricetta di pomodori è diventata ormai da 40 anni ricetta di famiglia, ma non è delle nonne, l'ho imparata quando andavamo in campeggio con figli piccoli e si facevano quelle serate gastronomiche dove ognuno portava un ricetta personale e si davano i voti.
C'era in campeggio una bella signora di Montecatini, che chiamavano "la contessa"..non so se lo fosse stata veramente, altrimenti venendo in campeggio...penso che fosse decaduta ah ah ah...o la chiamavano così perché aveva modi molto raffinati.
La ricetta non è raffinata ...è solamente gustosissima, non passa estate che io non la faccia varie volte e mi torna sempre in mente "la contessa"!

POMODORI MESSICANI

x 4 persone
6 pomodori fiorentini belli sodi
aceto di vino rosso (io adesso uso il balsamico)
sale pepe olio
prezzemolo
aglio o cipollina fresca basilico


Dopo aver lavato i pomodori e tolto il picciolo, tagliarli nel mezzo e mettere ogni mezzo pomodoro a
testa in giù in una padella antiaderente, a fuoco medio.
Far fare tutta l'acqua ai pomodori fino a farli ringrinzire facendo attenzione che non si attacchino o brucino, ma farli diventare ben cotti.


A questo punto innaffiare i pomodori con aceto balsamico, sempre mantenendoli a testa in giù e farlo incorporare, si "caramelleranno" e allora si possono girare, salare e spengere il gas.
Fare nel frattempo un battutino con aglio (se non amate l'aglio, una cipollina fresca lo può sostituire)prezzemolo e basilico, emulsionare in una ciotolina il battuto con olio e condire i pomodori che saranno stati disposti in un vassoio.
Mettere in frigo e servire freddi....oppure tiepidi, se non avete tempo di aspettare.
Ottimi anche il giorno dopo ...specialmente se farete la "scarpetta" nel sughino che si sarà formato.
BUON APPETITO SEMPRE CON LA VOSTRA NONNA PAT♥

lunedì 12 agosto 2019

Il polpo con patate

Le mie nonne erano una più brava dell'altra a cucinare, ma non cucinavano quasi mai il pesce.
Del pesce mi ricordo solo le loro meravigliose ricette di baccalà, ma che ve le insegno a fare ,tesore belle, so che il baccalà non vi piace, così oggi non rispolvereremo ricette di nonne mie , vi insegnerò una bella ricettina di nonna vostra !

 POLPO CON PATATE....facile facile


Se possibile io il pesce preferisco comprarlo fresco, ma il polpo lo potete anche comprare surgelato...oppure comprarlo fresco e poi surgelarlo, sarà sicuramente più tenero quando lo cucinerete.
Il polpo diminuisce molto in cottura perciò...un polpo da 1kg è per 4 persone...se mangiano normale!

1 polpo
Odori  (sedano, carota, prezzemolo)
Un bicchiere di aceto preferibilmente bianco o di mele
Sale
Olio EVO
Aceto balsamico (se vi piace )

...ed il segreto è   LA PENTOLA A PRESSIONE !!!!!

SCONGELARE IL POLPO....lo sottolineo perché non avendo esperienza vi potrebbe venire in mente di cuocerlo ancora surgelato e sarebbe un guaio ah ah ah!

Lavarlo e togliere l'occhio ( "oddio che schifo" mi sembra di sentirvi dire)...vi assicuro che esce da solo basta una spintina e viene via ah ah ah...fatto?

Ok, adesso prendete la pentola, metteteci il polpo, il sedano, la carota, i gambi del prezzemolo, e ricoprire con abbastanza acqua  , un bicchiere di aceto, (poco sale, perché l'aceto, i gambi di prezzemolo ed anche il sedano danno sapore).

Chiudere la pentola con il suo coperchio, metterla sul gas a fiamma media; dal momento che inizia a fischiare fate passare 25 minuti, poi spengete e lasciate il polpo nella pentola a raffreddare...
DOVRA' RIMANERE NELLA PENTOLA FINCHE' E 'TIEPIDO !!!!
 (ma alla pentola togliere il coperchio)

Nel frattempo lessiamo le patate.
Mettere 6 patate medie in acqua fredda salata, dopo aver lavato bene la buccia....state attente che le patate siano sane ,non abbiano ributti o siano verdi, non avrebbero un buon sapore.
Se hanno ributti, toglieteli e pulitele bene, i tempi di cottura variano a seconda del tipo di patata,perciò lo dovrete controllare di tanto in tanto.

Mentre aspettate prendete una ciotolina metteteci Olio EVO ( cioè EXTRA VERGINE OLIVA )
aggiungere del pepe sale no, perché lo abbiamo già messo nel polpo un filino di aceto balsamico e sbattete dolcemente per farlo emulsionare.

Togliere il polpo, se non vi piacciono le ventosine, passarlo velocemente sotto l'acqua per togliere pelle e ventose verranno via in un attimo. Farlo riposare un attimo.

 Intanto tagliare le patate , poi tagliare il polpo, mettere tutto in un vassoio ricoprendo con la salsina di olio e prezzemolo tritato al momento.

Assaggiare per decidere se il condimento è giusto e SERVITE !!!

Farete un figurone...ve lo assicuro !

polpo con patate


sabato 10 agosto 2019

MEDAGLIONI DI MELANZANE AL FORNO

Troppo buona e veloce questa ricetta di melanzane ripiene al forno per non provarla al più presto!



MEDAGLIONI DI MELANZANE AL FORNO


Ingredienti:
X 3 persone
1 melanzana lunga
4 fette di prosciutto cotto
1 mozzarella (io usato la burrata, ma va bene anche fiordilatte)
1 uovo
pangrattato qb.
Sale
Olio


Lavare la melanzana e farla fette di circa 1 cm
Preparare una teglia da forno con carta forno
Sbattere un uovo in una scodella e mettere del pangrattato in un altra.
Passare una fetta di melanzana, prima nell'uovo sbattuto, poi nel pangrattato e porre ogni fetta nella teglia.
Le fette devono esssere di numero pari.



Porre del prosciutto cotto e la mozzarella e fette , su metà delle melanzane che avrete preparato.



 Ricoprire con l'altra melanzana, salare e condire con un filo di olio.




Mettere in forno a 180 gradi ventilato fino a doratura.





Può essere un piatto unico , se accompagnato da una bella insalatina
Buon appetito dalla vostra nonna Pat❤

sabato 3 agosto 2019

STESSA SPIAGGIA STESSO MARE..o vi piace cambiare?

Noi che viviamo in Toscana  ed amiamo il mare siamo molto fortunati perché basta solo 1 ora o poco più per arrivarci ed abbiamo 2 zone meravigliose che si raggiungono in poco tempo anche per trascorrere una sola giornata .
Da noi c'è sempre stato una divisione fra chi ama la modaiola Versilia e chi predilige la selvaggia Maremma.
Da giovane non avevo dubbi ...Versilia forever , per il divertimento e la vita notturna, i negozi di moda, le compagnie di amici con cui passare belle serate!

Chi va in Versilia in genere ama fare vita di società, chi sceglie di passare le sue vacanze in Maremma, ama stare anche da solo a contatto della natura.
Ma c'è sempre stata una lotta tra le 2 zone, che pur essendo così diverse hanno entrambe un fascino incredibile.
La Versilia circondata dalle meravigliose Alpi Apuane, ha un eleganza innata, purtroppo un po'sciupata negli anni dall'arrivo di gente ricchissima, che con i soldi pensava di poter comprare anche il fascino di questi luoghi , ma è riuscita solo a involgarirla anche se nessuno riuscirà mai a togliere la bellezza dei tramonti mozzafiato, dei ricordi meravigliosi delle rotonde sul mare dei nostri anni 60!
Adesso preferisco la Maremma...con gli anni i gusti cambiano a volte.
La Maremma ha un mare stupendo, limpido, da bandiera azzurra, ha anche lei posti più di vita come Castiglion della Pescaia, ma per tutti gli altri luoghi la vita è principalmente legata alla natura, ai cavalli in spiaggia al mattino presto od alla sera, alla cucina stupenda a base di tortelli, cinghiale..
Prima c'erano spiagge quasi deserte, che si sono riempite di bagni o spiagge libere, affollatissime....ed anche qui si sta perdendo quel fascino selvaggio che questa zona ha sempre avuto.
In qualsiasi luogo io vada la cosa che non sopporto più e che un tempo amavo, sono le conversazioni da ombrellone...questo rituale giornaliero che è sempre il solito copione e che quando si hanno figli o nipoti si deve fare, perché per me il posto migliore sarebbe un ombrellone piantato vicino ad una duna....senza nessuno intorno!


Avete ragione sono diventata un' asociale, ma solo internamente, perché poi domattina, nessuno che non abbia letto questo post lo saprà e continuerò a parlare dei voti del figlio o del dolorino della signora accanto, continuerò a dire "No grazie" ai 200 venditori che passano e se possibile chiudero'gli occhi 5 minuti sognando quell'ombrellone solitario che forse riuscirò a trovare solo nella mia Camargue, che anche se non è bella come la Maremma o chic come la Versilia è l'unico posto, dove riesco veramente a sentirmi in vacanza, perché non parlo francese e non conosco nessuno ah ah....più asociale di così si muore....
E voi siete quelli che ogni anno ritornano nella stessa spiaggia o vi piace cambiare?

Buona domenica dalla vostra nonna Pat❤

domenica 14 luglio 2019

SEMIFREDDO AL TIRAMISU

Per il compleanno di mia figlia volevo fare un dolce un po'diverso ed estivo
Ho trovato sul blog di Giallo Zafferano questo meraviglioso semmfreddo che, anche se non è una mia ricetta o di famiglia come faccio al solito...lo diventerà...perché l'adottiamo !

                                               
SEMIFREDDO AL TIRAMISU

250gr savoiardi
250gr mascarpone
150ml panna da montare
2 uova intere freschissime
2 cucchiai zucchero semolato
caffè 6 tazzine +Whisky , se invece ci sono bimbi sostituire con vin santo ed il caffè con il decaffeinato


Preparare il caffè, zuccherarlo e lasciarlo intiepidire, aggiungere un po' di vin santo o whisky.
Intanto separare tuorli da albumi, montare gli albumi a neve ferma ed i tuorli a parte con lo zucchero ottenendo una bella crema spumosa, aggiungere a questa crema le cucchiaiate di mascarpone sempre continuando a mescolare con le fruste.
A parte montare la panna ed incorporare alla crema al mascarpone, aggiungendo gli albumi con un cucchiaio di legno fino ad ottenere una crema omogenea.
Prendere uno stampo da plumcake, iniziare a rivestirlo con i savoiardi inzuppati nel caffè.
Fare prima il piano poi rivestire anche lateralmente.
Appena pronto, versare nello stampo la crema di mascarpone e panna, ricoprire con altri savoiardi....chiudere con una pellicola e mettere in freezer per almeno 2 ore.
Molto buono anche fatto il giorno prima...togliere dal freezer 30 minuti prima di essere consumato.
Capovolgere in un vassoio e servire tagliato a fette !
Grazie Giallo Zafferano, ricetta ottima ...veloce e di grande effetto.
Buon dessert da quella golosa della  vostra nonna Pat♥

sabato 13 luglio 2019

POLPETTINE DI CECI E ZUCCHINE

Queste polpettine sono favolose !!
Semplicissime e piacciono a grandi e piccini .




POLPETTINE DI CECI E ZUCCHINE







Ingredienti:
queste sarebbero le dosi,x 4 persone,ma la prossima volta che le faccio raddoppio !!

200grammi  ceci cotti
2zucchine se grandi oppure 3
1 uovo
parmigiano 3 cucchiai
mollica di pane bagnato nel latte
un ciuffo di basilico
pangrattato
noce moscata
sale
olio x friggere ( ma potete farle anche in forno)


Lavare e grattugiare le zucchine, poi metterle in frigo per 15 minuti con sopra un peso per far perdere acqua.
Mettere nel mixer i ceci scolati , (potete usare anche fagioli),l'uovola mollica di pane strizzata dal latte,le foglie di basilico asciugate prima con della carta da cucina .
Fare frullare velocemente poi aggiungere anche le zucchine , ben scolate dal liquido che hanno fatto .il sale la noce moscata, un ultima frullatina veloce.



Aggiungere anche del pangrattato se l'impasto risulta troppo morbido.
Fare delle palline e passarle nel pangrattato.



Mettere in una padellina piccola, olio di semi di arachide e friggere le polpettine.




Se vedete che l'olio si scurisce per il pangrattato che può bruciarsi, avendo usato la padellina piccola , potrete cambiare l'olio con poco spreco.
Oppure mettere le polpettine su carta forno a 180 gradi in forno già caldo, per 15 minuti circa.
Buon appetito dalla vostra nonna Pat




lunedì 8 luglio 2019

ZUPPETTA DI CECI E MISTO MARE

Volete una zuppetta velocissima ??
Allora questa fa al nostro caso !!





ZUPPETTA DI CECI E MISTO MARE






Ingredienti:
Ceci lessati
Misto mare ,fatto fare dalla vostra pescheria di fiducia
(se non avete una pescheria di fiducia, prendetelo surgelato, non è buono come fresco , ma per una volta si può fare !!)
2/3 pomodorini
Fette di pane cotto a legna
sale, pepe , olio evo

In una padella mettero olio e aglio, senza l'anima, altrimenti non si digerisce bene.
Appena caldo, aggiugere qualche pomodorino tagliato a pezzettini ed il misto mare, che se lo avrete preso fresco in pochi minuti è pronto.
Sale, pepe ed prezzemolo tritato a fine cottura.
Intanto, fate arrostire delle fette di pane toscano o quello che più piace a voi.
Scaldare i ceci con la loro broda, poi mettere 1 romaiolo di ceci con un po'di broda per ogni cocottina, aggiungere il misto mare ai ceci ed accompagnare con pane arrostito olio crudo e pepe macinato alla fine.
Buon appetito dalla vostra nonna Pat❤



















UNA VISITA EMOZIONANTE

È arrivata insieme al marito, portando in braccio una bellissima orchidea, mi ha abbracciato chiedendomi :
"Ti ricordi di me?"
Ero emozionata anche se non l'ho dato a vedere, anche se davanti a lei non ho versato una lacrima, come invece sto facendo adesso che vi sto raccontando questa emozione vissuta giovedì pomeriggio.
Eravamo insieme all'asilo e lei non mi aveva mai dimenticata, si ricordava tutto di me , della mia mamma , del mio giardino, delle fragoline che mio nonno ortolano ci portava per farci fare merenda.


Io l'ascoltavo e piano piano si ricomponevano i tasselli di tutte quelle caselle che lei aveva tenuto strette nel suo cuore e che invece io, nel non voler ricordare tante cose accadutemi a Firenze, avevo involontariamente rimosso.
Era andata via da Firenze ancora bambina, ma nel suo cuore aveva sempre conservato il mio ricordo!
Si chiama Marcella Calvani, ve la presento, una persona preziosa per me che sono rimasta inconsapevolmente nei suoi pensieri per tutti questi anni.
Mi ha ritrovata grazie a FB, e dai miei scritti ha capito che ero io quella bambina che abitava vicino a lei in via del Ghirladaio, mi ha scritto e poi da Pontedera dove lei vive da sempre è venuta fino a qui, portandomi le foto di noi bambine ed una boccata di un periodo bello vissuto insieme.
Mi ha detto che avendo saputo dalla sua mamma, cosa mi era capitato, mi aveva sempre pensata come Biancaneve o Cenerentola in mano ad una matrigna cattiva e quando ha letto i miei racconti, è stata tanto felice di sapere che anch'io ero riuscita a costruire la mia favola.
Come si fa a non volere bene ad una persona così, come si fa a non piangere a ripensare che lei mi ha pensata per tutti questi anni.
Sono contenta di non averlo fatto davanti a lei, perché è stato così bello quest'incontro, così naturale che mettersi a piangere avrebbe sciupato tutto, ma adesso che sono sola che ripenso che mentre io vivevo le mie peripezie, c'era una persona che si ricordava di me e che si preoccupava di sapere come stessi vivendo la mia vita, questa cosa  mi ha veramente emozionato tanto.
Grazie Marcella, grazie perché hai ritrovato nei tratti del viso di mia figlia, il viso di mia madre, nessuno ormai me lo potrebbe confermare ,come hai fatto tu oggi, che un po' di Lei si è trasferito in quello della sua mancata nipotina
Grazie Marcella, di avermi detto che in una ragazza che portava pantaloni e ballerine ed era slanciata come Lei  tu ci hai di colpo visto mia madre.
Tu sei venuta qui, portandomi un volto bello sorridente, tu e tuo marito siete stati così gentili da venirmi a cercare, ma non hai solo realizzato un tuo desiderio, come mi hai confessato, mi hai fatto un regalo immenso, nel riportare fino a me storie , immagini , ricordi che oggi insieme a te ho avuto il coraggio di far rivivere.
Nei miei racconti sono venuti fuori, momenti e sensazioni molto nitide, ma riviverle con qualcuno che non ti ha mai dimenticata, credo che sia il più bel regalo che si possa ricevere!
Essendo donna, non ho fatto il militare, ma oggi credo che per noi sia stata un emozione come quella che provano chi ha fatto una guerra insieme...noi abbiamo solo giocato e fatto tante merende insieme sotto gli occhi vigili di mia madre che ci guardava dal terrazzino, come ancora la ricordi tu, ma in fondo la vita di ognuno è una piccola battaglia e ritrovarsi dopo più di 60 anni e raccontarsi le battaglie, avute da ciascuna nei vari periodi della vita , è stato veramente meraviglioso ed io non finirò mai di ringraziarti per l'affettuosa visita che tu e tuo marito mi avete fatto !
Adesso che le mie amiche, hanno capito quanto per te conti l'amicizia, vorranno tutte essere tue amiche e ti chiederanno l'amicizia su Fb...un mezzo a volte meraviglioso per ritrovarsi !
Ti abbraccio forte Marcella Calvani, bambina dolcissima come la meravigliosa collana di nocciole che indossi nella foto che mi hai portato e ci ritrae felici nel giardino dell'asilo, in attesa di ritrovarsi , grazie a te, dopo tutti questi anni!
Buona domenica  dalla vostra nonna Pat❤

sabato 6 luglio 2019

Tortellini freddi

Fate mai i tortellini freddi?
Io li faccio spesso in estate perché mi sembra una buona alternativa alla pasta ed riso freddo.

TORTELLINI FREDDI



X 4 PERSONE
250gr di tortellini
1 mozzarella
2 pomodori S.Marzano
prosciutto cotto tagliato alto per fare dei piccoli dadini
(a noi piacciono anche sostituendo il prosciutto cotto con bresaola)
olive verdi e nere a pezzettini
capperi
basilico
...e tutto ciò puo essere sostituito dalle cose che più vi piacciono...
olio sale pepe


Cuocere i tortellini al dente passare sotto l'acqua velocemente per fermare cottura, nel frattempo preparare tutti gli ingredienti in una ciotola e condire con olio sale pepe .
Aggiungere i tortellini, mescolando bene mettere in ultimo il basilico, mettere in frigo per un' ora, aggiungere un filo olio e grattatina di pepe prima di servire.

Come al solito semplice veloce estivo!
Buon appetito con nonna Pat ♥

domenica 30 giugno 2019

Il mio primo anno di Scuola Media!

Le elementari erano ormai alla fine,a giugno dopo aver fatto l'esame di quinta elementare si doveva fare un Esame di Ammissione alle Medie per vedere il grado di preparazione e, secondo il risultato, si veniva ammessi nelle sezioni dove eri più idoneo.

A fare quest'esame venivano i Professori delle medie e decidevano in che sezione metterci.
Io passai con il massimo dei voti, la professoressa che ci interrogò era una vecchia molto severa e molto famosa che aveva anche scritto il libro di testo su cui si sarebbe studiato alle medie.
Mi assegnarono alla prima A, la classe dei più bravi, dei cervelloni ed anche la classe dei più ricchi della scuola. Ero ancora molto timida a quei tempi ed anche molto impressionata dalla spigliatezza e sicurezza che avevano i miei compagni di classe.




Era una scuola situata in quartiere molto benestante anche se era una scuola statale, c'era il figlio del rabbino, una contessina, il nipote di D'Inzeo, un famoso campione d'ippica dell'epoca, c'era un ciccione molto arrogante di nome Filippo Maria...c'erano bambine molto curate, belle, bionde, abbronzate constantemente dalle loro vacanze a Cortina o semplicemente fine settimana all'Abetone, sciavano, giocavano a tennis, frequentavano circoli molto esclusivi ....
Fossi stata in quella classe qualche anno prima, non mi sarei sentita così inferiore, ma adesso che il babbo aveva avuto tutti i suoi problemi con la ditta e si barcamenava, per trovare un posto di rappresentante o di venditore, percepivo che quello non era il mio ambiente, cercai con chi stare e l'unica con cui legai era una ripetente, molto imbranata.
Questo stato d'animo non mi fece iniziare bene questo nuovo percorso e mi andò  via anche la voglia di studiare.
 Tornavo a casa sempre un pò  scocciata, rispondevo male alla nonna, ma non raccontavo al babbo ed a nessuno che in quella classe io mi sentivo ....l'ultima!
Il babbo si informava di come andavano le cose ed io rispondevo sempre evasivamente ...non volevo caricarlo di altri problemi, se qualcuno mi diceva che voleva parlare con il babbo, non glielo dicevo, cominciai a raccontare bugie e non avevo più voglia nè di studiare nè di andare a scuola.
Intanto i mesi passavano e le cose peggioravano sempre, finchè un giorno che la professoressa di matematica, che era il mio osso duro, mi interrogò ebbi modo di scaricare il pesante fardello che mi ero messa sulle spalle.
"Tangocci vieni alla cattedra che oggi ti voglio interrogare bene !!" disse lei con tono imperativo...io mi avviai sicura che mi avrebbe umiliato come era solita fare essendo io molto portata per le materie letterarie, ma non in matematica !!
Durante l'interrogazione ho sbagliato e fatto scena muta, allora la vecchia Cerbera...si divertì ad urlarmi contro con stizza e mi disse " IO VORREI SAPERE CHI E' QUEL CRETINO CHE TI HA PASSATO ALL'ESAME DI AMMISSIONE......come ha fatto a non capire che questa classe non fa per te " Io non piansi nè dissi subito quello che da tanto volevo dire.....guardai tutti i miei compagni, Il Filippo Maria rideva ...la biondina abbronzata ..scuoteva la testa ...solo la mia amica ripetente Sfigata...mi guardava con preoccupazione...sentivo le guance che mi diventavano sempre più rosse, sapevo che stavo firmando la mia bocciatura... raddrizzai la schiena e con aria di sfida risposi " Ma come professoressa non si ricorda ?
ERA LEI ....CHE MI HA PASSATO A PIENI VOTI ALL'ESAME DI  AMMISSIONE !!"
Diventò bianca come un lenzuolo...mi fulminò con gli occhi si alzò e con aria cattiva ed un alito ancora più cattivo del suo sguardo mi urlò " VAI AL TUO POSTO ...tanto tu l'anno prossimo non sarai più in questa sezione ..ci puoi giurare"; mancava che sputasse fuoco dalle narici e la scena poteva essere di un film tragicomico !!!  Non mi bastò e risposi: " Se mi boccia mi fa un piacere, non mi piace stare in questa classe! " Me ne andai al mio posto sollevata, quasi contenta che l'anno successivo non sarei stata più lì ...guardai  quelle facce sfottenti di alcuni compagni .. contenta di aver dimostrato loro ...che anche se non avevo la loro posizione, le loro ville, ...avevo fegato per affrontare chi mi voleva umiliare!!! L'anno dopo mi ritrovai in una sezione stupenda, con me c'era anche la Mirella ripetente anche lei ....da quel giorno non ci siamo più lasciate abbiamo fatto medie e superiori insieme essendo sempre tra le prime della classe.  !!

Buona domenica dalla vostra nonna Pat !







(In questa  foto  la prima a sn fila centrale sono ancora alle elementari con la mia adorata maestra )

giovedì 27 giugno 2019

Insalata di trippa




Se vi piace la trippa...
per una ricetta semplice ..fresca e veloce vi consiglio :
                                             

                                                           INSALATA DI TRIPPA


Se avete una macelleria di fiducia fatevi dare della trippa freschissima già lessata nella parte meno ricciola , leggermente spugnosa anche liscia.
Metterla a bagno in acqua ed aceto di mele o di vino bianco , perché non prenda il colore scuro, per un oretta ..sciacquarla , asciugarla e tagliare a striscioline.
Potete comporre la vs insalata con tutti i tipi di verdure che preferite , ma possibilmente crude o appena cotte.
Io ho usato:
Carote, insalata, cipolla tropea, pomodori, basilico...qualche fagiolino verde , proprio perchè li avevo pronti e croccanti.
 Amalgamare il tutto con la trippa, olio sale pepe ed aceto balsamico se lo gradite !!

                                   
Tutto qui ....più veloce di così !!!

                                Buon appetito con l'insalata di trippa ...di nonna Pat !

martedì 18 giugno 2019

CAPRESE CON INSALATA DI POLPO

In questa bella stagione il polpo si usa per tantissime ricette.
Oggi vi suggerisco questa semplice e veloce ricetta ,che una volta lessato il polpo, farete in pochi minuti .





CAPRESE CON INSALATA DI POLPO




1 polpo
pomodori rossi tondi
mozzarella fiordilatte
qualche gambero sgusciato
sedano
carote
finocchi
prezzemolo
olio
sale pepe



In una pentola alta mettere abbastanza acqua da far si che ricopra il polpo, aggiungere un bicchiere di aceto bianco o di mele e sale grosso.
Portare ad ebollizione e cuocere 20 minuti, poi spengnere e lasciare raffreddare il polpo nell'acqua di cottura coperto con coperchio.

Toglierlo e se il polpo è grosso potrete fare 2 ricette!!

x POLPO LESSATO semplice




Togliere 2 o tre tentacoli lessati nella parte più grossa del polpo e servirli con olio limone e ribes rosso (Anche surgelato , per dare un pò di colore)



CAPRESE DI POLPO



 Tagliare a piccoli pezzi il polpo lessato, mescolare con tutti i tipi di verdure elencate, più i gamberi sgusciati. Condire con olio pepe e sale e far riposare in frigo.

Tagliate i pomodori e la mozzarella a fette e cominciare ad impilare.



Una fetta di pomodoro, insalata di polpo,una fetta di mozzarella, ancora pomodoro,ancora mozzarella, finire con un pezzetto di polpo e fermare tutto con uno spiedino .




Se vi piace potete aggiungere una foglia di basilico ed ogni fetta salare pochissimo.
Se volete fare ancora più veloce potete anche fare la caprese evitando di fare l'insalata di polpo ed usare solo il polpo lesso condito...sarà ottima ugualmente.

Un idea fresca e scenografica, ma sopratutto buonissima!!

Buon appetito, dalla vostra nonna Pat❤

domenica 16 giugno 2019

Parmigiana di melanzane all'antica

Voglia di melanzane...voglia di parmigiana!
Le melanzane, si possono  fare in vari modi, ma quando si pensa melanzana ...si pensa parmigiana.
A Firenze quando ero piccola io le chiamavano "Petonciani"...ma non ho più sentito chiamarli così.
Io la faccio come la faceva la nonna Olimpia ...facile ..ma con un tocco in più !!!


PARMIGIANA DI MELANZANE ..all'antica !!

x 4
3 melanzane
passata di pomodoro...possibilmente fresca
farina
olio semi
parmigiano
1 uovo
sale pepe
pangrattato

Sbucciare le melanzane, fare a fette, salarle e lasciare 30 minuti a fare l'acqua.
Scolarle, prosciugarle con carta, infarinarle

e friggerle in olio abbondante e bollente.
Far colorire e appena pronte porle su carta gialla per asciugare dall'olio.
Preparare la passata di pomodoro, farla insaporire con olio sale pepe ed aggiungere
qualche fogliolina di basilico.
In una pirofila da forno porre le melanzane, ricoprire con la salsa, tanto pamigiano grattato, fare ancora uno strato con lo stesso procedimento.

Sbattere l'uovo con 1 cucchiaio e mezzo di pangrattato, un cucchiaio di salsa di pomodoro ancora un pò di parmigiano,sale e pepe .
Ricoprire la parmigiana con questa salsina e mettere in forno a 180° per 15 minuti.

La nonna Olimpia usava il forno a legna o della cucina economica...ed il sapore era...superbo...!!
Ma vedrete che sarà ottima anche con i nostri forni...

Buon appetito con nonna Olinpia e nonna Pat !!!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...