sabato 29 settembre 2018

Alzi la mano chi non si sente mai in colpa !!

Mi sono chiesta spesso nel corso della vita, se sentirsi in colpa dipenda dal carattere, dai genitori che hai avuto, dalla sensibilità o dalla fragilità di chi prova spesso questo stato d'animo.
Per quanto mi riguarda, mi sono sempre sentita in colpa anche per futili motivi, se me ne vado senza aver dato un bacio ai miei figli o alle nipoti, se ho risposto male, se si crea qualche malinteso, ma stranamente questo sentimento lo provo solo attribuito alle persone che mi sono care.
Difficilmente mi sento in colpa per cose che non riguardano il sentimento! In genere so di fare il mio dovere, di comportarmi con serietà, cerco di non cacciarmi in situazioni che mi facciano pentire, per questo sia sul lavoro che nella vita comune, non mi capita di sentirmi in colpa...ma se si tratta di amore o vera amicizia ...divento tenera ah ah ah

Quando ero ragazzina, molte notti mentre ero nel pieno del sonno, sentivo la porta di camera che si apriva lentamente, uno spicchio di luce che veniva dall'ingresso entrava in camera mia, mio padre fermo sulla porta titubante se svegliarmi o no mi guardava, chiedeva piano: "Dormi Patrizina ?"  Certo che dormivo, ma  sapevo benissimo che dopo avermi risposto male ed essere uscito per andare a fare la partita al bar, si sentiva in colpa e non sarebbe riuscito a dormire, senza farmi capire che era dispiaciuto.
Gli rispondevo per farlo contento e gli davo la buonanotte anche se mi costava un po' fatica.
...poi con gli anni quanto ho capito questo suo gesto!...perchè non solo i figli , ma anche i genitori a volte si sentono in colpa!!


Come starà bene chi non si sente mai in colpa, chi non deve mai chiedere scusa, chi non ha bisogno di perdonare ed essere perdonato!
Per me il perdono è uno dei sentimenti più belli che esistono, riuscire a perdonare chi ti ha fatto un torto, grande o piccolo che sia ti libera da un peso!
Mamma, babbo mi perdoni ?...quante volte l'ho detto!
L'ho detto spesso anche ai miei figli, perchè mi far star male sentirmi in colpa, mentre mi coccola e mi rincuora essere perdonata e perdonare !!!


Sono fragile?  Sono troppo sensibile? Non so, sarà colpa del segno dei Pesci ?
Può essere!...delle mie 5 nipoti, 2 sono del mio stesso segno...2 pescioline ,che spesso se rispondono male , se non ti danno un bacio, si sentono in colpa come la nonna !!!

Ma voi che siete di altri segni Vi sentite mai o vi siete mai sentite in colpa ? ah ah

Bella domanda ...ora tocca a voi !!!

DITE LA VOSTRA CHE HO DETTO LA MIA
Buona domenica dalla vostra nonna Pat

sabato 22 settembre 2018

IL PAN CON L'UVA

Per me non ci può essere Settembre senza "IL PAN CON L'UVA", in Toscana si chiama così poi c'è chi questo dolce lo chiama " Schiacciata con l'uva "...ogni famiglia ha la propria ricetta , chi lo ama più alto , chi lo vuole più basso...chi con il "richiccolo"parola del gergo contadino che significa con tanta uva dentro e zucchero da creare quasi un caramello !!
Io lo amo con il richiccolo , che la pasta non sia troppo alta tipo pane, ma non viene sempre uguale spesso dipende dall'uva o da come è stata tirata la pasta!!
Vediamo come è venuto questa volta ah ah





IL PAN CON L'UVA



 


400g Farina (io ho usato la Manitoba, ma va bene anche la 00 )
200g di zucchero
1 cubetto di lievito
1kg uva (io usato uva fragola)
sale , olio evo
Mescolare la farina, il sale 4 cucchiai di olio
Sciogliere il lievito in poca acqua tiepida ed aggiungere 4 cucchiai di zucchero
Fare l'impasto e fare lievitare un ora
dopo un ora prendere 2/3 dell'impasto e stendere una sfoglia sottile
rivestire una teglia con bordi alti con carta forno ed adagiarvi la sfoglia
ricoprire con 700g di uva 3 cucchiai di zucchero ed giro di olio
tirare il resto della pasta stendere sopra il primo strato e ricoprire con uva rimasta zucchero ed olio.
Porre in forno caldo statico a 180g per un ora , ma verso i 50 minuti controllare a volte secondo il tipo di forno sono sufficienti.
E' venuto molto buono ....ma  secondo me l'uva necessitava ancora di maturazione ...e la sfoglia per far veloce non era abbastanza tirata come piace a me....tutti hanno detto buono ed è finito in un attimo....ma la prossima volta lo voglio fare  più fine e con più "richiccolo" ah ah
Buona merenda o buon dessert, dalla vostra nonna Pat
  ♥

venerdì 21 settembre 2018

La mia pappa col pomodoro

Le mie nonne erano abbastanza in sintonia, c'era molto rispetto tra loro, si davano del Lei si vedevano solo quando il giovedì ed il lunedi mattina cambiavano il turno!
La Beppina come ho detto era molto contenta di non fare le pulizie, ma per questo voleva il primato di   MIGLIOR  CUOCA ...era brava a fare la sfoglia la caccia gli arrosti..ma sulla
 MINESTRA DI PANE e LA RIBOLLITA, la nonna Olimpia non la batteva nessuno ..
.aveva sfamato i suoi figli con questa gustosissima pietanza della cucina toscana !
Allora la Beppina diceva che era "più fine " LA PAPPA CON IL POMODORO" e voleva farla sempre lei !
Oggi nonna ti darò soddisfazione farò La pappa...anche perché la minesta di pane si dovrebbe fare solo quando c'è il cavolo nero...adesso è troppo tardi , ne riparliamo in inverno !
Nei ristoranti in Toscana "La ribollita" che sarebbe,la minestra di pane risaltata in padella la sera , si trova in ogni periodo dell'anno, perché viene fatta con il cavolo verza, ma la vera ricetta necessita di entrambi i cavoli. 

LA PAPPA CON IL POMODORO
Ingredienti :
Pane raffermo tagliato a fette...possibilmente Toscano..ed ancor meglio la Bozza Pratese
Passata di pomodoro potete usare anche pomodori pelati passati in inverno,
 in estate pomodori freschi passati,meglio se fate prima una pommarola, verrà ancora più profumata
Olio evo
Aglio, 4 spicchi (Io uso solo aglio ,in casa mia la cipolla non posso usarla,ma se possibile
una bella cipolla tragliata finissima,da un sapore sublime...qualcuno usa anche il porro)
Sale pepe
Basilico messo da ultimo e tagliato esclusivamente a pezzetti con le mani...no coltello !!!
(molti fanno anche il soffritto con sedano carota e cipolla , noi la preferiamo più leggera,vi garantisco che il risultato è perfetto e molto digeribile )


       
                                         Sarebbe bene usare la pentola di coccio,ma noi
                                         useremo una teglia antiaderente, mettere olio,aglio
                                         ( togliere sempre l'interno od anima che non
                                         fa digerire bene ) 4 spicchi sbucciati e tagliati a metà
                                         Io non faccio soffriggere,metto subito la passata,far
                                         insaporire per qualche minuto aggiungere le fette di
                                         pane,allungare con un bicchiere di acqua,far insaporire
                              
                                         
                              


                                        
                                          Con una forchetta spezzettare il pane facendolo
                                          incorporare bene con il pomodoro,salare e far
                                          cuocere a fuoco lento,coperto con coperchio per
                                          circa 20/30 minuti.



        
                                            A cottura ultimata, aggiustare di sale spezzettare
                                            il basilico con le mani dopo averlo lavato ed asciugato.


       
                                          Non avendo fatto LA PAPPA,nel TEGAME di
                                          COCCIO, riscaldiamolo facendoci bollire un pò
                                          di acqua ,appena sarà caldo,asciughiamo  poi
                                          trasferiamo la pappa ..per far credere che abbiamo
                                          fatto veramente la ricetta originale.

                                          
                                          
                                      
                                     
                                         
                                         Portare in tavola,aggiungendo un filo di olio
                                         ed una macinatina di pepe...
                                         Si può aggiungere anche del peperoncino e ottima
                                         con parmigiano grattato al momento

Buon appetito dalla vostra nonna Pat !!




                                  
                                     

martedì 18 settembre 2018

TORTA PAN DI STELLE

I compleanni delle nipotine e dei miei familiari,sono per me giorni speciali e cerco di fare torte facili, ma che penso possano piacere al festeggiato di turno !!
Maria ama i pan di stelle ed ho navigato su internet ,anche con l'aiuto di Nicoletta che l'aveva postata,alla ricerca di una torta che facesse al caso suo.
Ho scelto questa che ho rivisitato un pò, per gusti personali e che è venuta benissimo....facilissima ,velocissima e buonissima....vi consiglio di farla appena ne avrete voglia!





TORTA PAN DI STELLE





Ingredienti:
500 g. di pan di stelle
500 g . di panna montata zuccherata o 500 g panna da montare con 150 g. zucchero
qualche cucchiaio di Nutella
cioccolato fondente a pezzettini
latte
pasta di zucchero  bianca
teglia a cerniera di 24 cm




Preparate la teglia a cerniera, bagnarla leggermente con il latte, poi fare uno strato di biscotti bagnati velocemente nel latte,non devono essere troppo inzuppati, solo bagnati.
Dopo il primo strato di biscotti mettere uno strato di panna e diverse cucchiaiate di Nutella .


Fate ancora uno strato di biscotti, ancora uno strato di panna con pezzettini piccoli di cioccolato fondente ( non l'ho fotografato, ma vi assicuro che è una gioia mentre si mangia la torta , trovare questi pezzettini di cioccolato ). Mettere la torta in frigo per almeno 2 ore , io lasciata 3 ore.












Poi togliere dal frigo spolverizzarla tutta di cacao amaro  e dopo averla appoggiata sul vassoio di portata, togliere anche la cerniera.


Avevo una paura mentre la toglievo, ma tutto ok  perfetta!!


Decoratela ora tutta intorno con i biscotti ,che rimaranno tranquillamente attaccati.


Con la pasta di zucchero preparare tante stelle bianche , con le formine per dolci...io ho esagerato ah ah ...avevo il taglia stelle da pasta di zucchero addirittura con il buco per la candelina,ma se non serve per il compleanno va bene qualsiasi formina a stella che avrete !!


Quando la servite,vi faranno l'applauso....quando la mangeranno , faranno il bis !!
Al momento di soffiare le candeline,il cacao volerà sulla vostra tovaglia candida....ma a voi non importerà niente , sarete solo contente di aver fatto divertire la  festeggiata !!




Vi saluto golosone, un bacio dalla vostra nonna Pat
 

domenica 9 settembre 2018

Riflessioni su genitori e figli

Mi è capitato di vedere un video, che una mia amica aveva condiviso.
Era una mamma che si rivolgeva al figlio/a piccoli ,chiedendo loro se un giorno si sarebbero ricordati di tutte le cose che adesso stavano facendo insieme!
Le ho risposto ed ho fatto molte riflessioni.





Vi ricordate quando i vostri figli erano molto piccoli ?
Vi ricordate quando facevate a noscondino, dietro le tende?
Vi ricordate quando sbaciucchiavate i loro piedini, facendo finta che puzzassero?
Vi ricordate, quando li portavate a cavalluccio, girando tutta la casa?
Vi ricordate , quando ridevano fino alle lacrime, mentre facevate loro il solletichino?
Vi ricordate le canzoncine buffe e sciocche che vi inventavate , per farli ridere?
Vi ricordate le notti passate a tenere la loro manina per rassicurarli?
Vi ricordate la prima volta che avete pianto quando hanno detto "mamma?
Vi ricordate la trepidazione dei primi passi?
Vi ricordate il loro primo giorno di scuola?
Potrei continuare all'infinito, so che vi ricordate tutto, non solo dei primi tempi, ma anche quando erano più grandi.
So che vi ricordate anche quando li avete sgridati, messi in punizione....vi ricordate tutto lo so!
Provate a chiedere loro se si ricordano questi momenti...
Sicuramente, si ricordano le punizioni, il resto vagamente.
Provate a pensare a voi bambini , se dei vostri genitori ,la prima cosa che vi viene in mente è un gioco od una punizione!
Ho fatto un test fra varie amiche e figli , prima ci ricordiamo le punizioni, poi tutte le cose buone e belle...ma pensandoci un po'!
È così, è normale per tutto l'amore che si possa avere per i genitori, l'amore per i figli supera tutto è naturale sia così, i figli sono l'amore più grande, seguito poi dai nipoti.
Le mamme ed i babbi che non capiscono questo e si lamentano , non hanno capito niente di come la vita è veramente una ruota che gira....bisogna dare ai figli tutto l'amore di cui siamo capaci, bisogna insegnare loro ad affrontare la vita, bisogna godere della loro presenza ed il loro amore quando si hanno vicini ed accettare con lo stesso amore il fatto che siano lontani..
Loro , se sono bravi figli , ci saranno sempre per noi, ma noi bisogna anche non pretendere più di quello che possono darci!
Questi post dove le mamme si fanno tutte queste domande, sono pura retorica, i bravi figli non importa che si ricordino di cose che per noi sono impresse nella mente e ci fanno compagnia, i bravi figli sanno che quello che loro fanno per i loro figli sicuramente ieri noi lo abbiamo fatto per loro!
Adesso loro sono impegnati a districare i nodi della loro vita, il nostro modo di amarli in età adulta è quello di aiutarli quando serve il nostro aiuto, di esserci sempre , ma di non continuare tutta la vita a crederli dei bambini !
A volte noi mamme lo facciamo questo sbaglio, ci sembra normale, ma non ci ricordiamo mai, che anche noi volevamo ali per volare e una bella famiglia da cui tornare!
Dite la vostra che ho detto la mia....




Buona domenica dalla vostra nonna Pat❤

sabato 1 settembre 2018

Parmigiana di melanzane all'antica

Voglia di melanzane...voglia di parmigiana!
Le melanzane, si possono  fare in vari modi, ma quando si pensa melanzana ...si pensa parmigiana.
A Firenze quando ero piccola io le chiamavano "Petonciani"...ma non ho più sentito chiamarli così.
Io la faccio come la faceva la nonna Olimpia ...facile ..ma con un tocco in più !!!


PARMIGIANA DI MELANZANE ..all'antica !!

x 4
3 melanzane
passata di pomodoro...possibilmente fresca
farina
olio semi
parmigiano
1 uovo
sale pepe
pangrattato

Sbucciare le melanzane, fare a fette, salarle e lasciare 30 minuti a fare l'acqua.
Scolarle, prosciugarle con carta, infarinarle

e friggerle in olio abbondante e bollente.
Far colorire e appena pronte porle su carta gialla per asciugare dall'olio.
Preparare la passata di pomodoro, farla insaporire con olio sale pepe ed aggiungere
qualche fogliolina di basilico.
In una pirofila da forno porre le melanzane, ricoprire con la salsa, tanto pamigiano grattato, fare ancora uno strato con lo stesso procedimento.

Sbattere l'uovo con 1 cucchiaio e mezzo di pangrattato, un cucchiaio di salsa di pomodoro ancora un pò di parmigiano,sale e pepe .
Ricoprire la parmigiana con questa salsina e mettere in forno a 180° per 15 minuti.

La nonna Olimpia usava il forno a legna o della cucina economica...ed il sapore era...superbo...!!
Ma vedrete che sarà ottima anche con i nostri forni...

Buon appetito con nonna Olinpia e nonna Pat !!!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...