martedì 17 gennaio 2017

SFORMATO GOLOSO DI PANE

Se avete ancora pane raffermo fate questa ricetta , è così buona che viene voglia che avanzi il pane per gustare questo "SFORMATO GOLOSO".



SFORMATO GOLOSO



Ingredienti:
Pane casalingo raffermo
2 salsicce
2 uova
piselli
parmigiano
noce moscata
stracchino  o robiola
sale e pepe
(le dosi sono x mezzo chilo di pane)


Mettere il pane raffermo a bagno in acqua,finchè non è sbriciolato.
Strizzare bene,far perdere tutta l'acqua, poi mettere in frigo per mezz'ora per far rapprendere.
Far cuocere i piselli con aglio e ramerino e in un altra padella far cuocere salsiccia con pochissimo olio.



Prendere la zuppiera con il pane sbriciolato ed asciutto,aggiungere 1 o 2 uova secondo la quantità di pane ,la salsiccia ed i piselli cotti, la noce moscata,il parmigiano grattugiato poco sale e pepe.Imburrare una una teglia da forno, porvi l'impasto ben mescolato, un filo d'olio sulla superfice e pezzetti di stracchino o simili sparsi .



Infornare in forno caldo ventilato a 180 gradi per 25/30 controllate che il formaggio non si bruci , ma abbia un bel colore dorato.
Sembra una lasagna di pane.... molto ,molto buona !
Buon appetito dalla vostra nonna Pat❤

domenica 15 gennaio 2017

SPERIAMO DI NO !

Stavo ripiegando delle maglie e pantaloni, che avevo fatto vedere nell'ultima difficilissima vendita, in cui una figlia con la mamma e la nonna mi avevano messo a dura prova, ma alla fine con gentilezza ed esperienza ero riuscita a fare
Mia figlia e Bianca, sono uscite dall'ufficio dove avevano studiato scienze.
Erika è andata al piano di sotto mentre Bianca "mogia mogia" è venuta verso di me abbracciandomi forte forte!
Ho visto che stava piangendo, allora le ho detto accarezzandola:
"Amorina cosa c'è, hai litigato con la mamma?"
Lei piangeva in silenzio, allora l'ho portata con me in un camerino, mi sono seduta, l'ho presa in collo e le ho detto baciandola:
"Raccontami tutto, amore !"
"Sai nonna abbiamo studiato scienze, abbiamo parlato del cervello e la mamma mi ha detto che a volte il cervello ha delle malattie strane, che si può perdere la memoria....ed io ho pensato che se capitasse a te, non ti ricorderesti più che sono la tua nipotina!"
Groppo alla gola immediato, ma poiché il cervello per ora funziona, mi sono ripresa subito ed accarezzandola per consolare lei e me, che mi ero commossa per sua sensibilità, le ho detto:
"Tesoro, è vero queste cose possono capitare, ma speriamo che a me non capiterà mai! Comunque facciamo un patto segreto tra me e te!
Se un giorno io non ti riconoscero' tu verrai da me e mi dirai:
"Buongiorno signora, sa io non ho più la nonna , posso essere la sua nipotina?"
Ed io rispondero'"Io non ho mai avuto nipotine, mi farebbe molto piacere"
Allora tu andrai a chiamare anche Maria, Anna, Marta e Francy e tutte faranno come te ed io avrò nuovamente le mie nipotine.
Tu e loro mi insegnerete ad essere la vostra nonna e saremo felici e contente"
 Bianca rideva, si era rasserenata questa mia idea, le ha dato la sicurezza che non potremo perderci e dandomi un bacio, se ne è andara via contenta.
Io avevo il groppo alla gola pensando che non sarebbe così semplice, come le ho fatto credere, ma la mia positività è venuta in mio aiuto.
Certo, se perdessi la memoria, forse chissà quante cose che mi è passato per la mente in questi quasi 50 anni al pubblico, direi liberamente, come volevo fare con mamma, nonna e figlia di prima ah ah...potrebbe essere divertente!
Sicuramente non saprei più usare il computer, ma se per caso fossi ancora su FB e non mi ricordassi di voi....vi prego di chiedermi nuovamente l'amicizia ah ah
Buona domenica, dalla vostra nonna Pat❤

sabato 14 gennaio 2017

Castagnaccio misterioso

Questa ricetta ha gli stessi ingredienti della "Torta misteriosa"o Torta di pane, che ho postato tempo fa, ma l'ho fatta volutamente nella teglia del forno.
È venuta bassa come il castagnaccio e molto più leggera della Torta, perché non ho usato burro!


CASTAGNACCIO MISTERIOSO

Vi do le dosi per 1kg di pane raffermo, poi diminuirete voi se ne avete meno.

Ingredienti:
1kg di pane raffermo, casalingo.
1 litro di latte
2 uova
200 g di zucchero
200 g di uva sultanina
4 cucchiai di cacao amaro
1 o 2 bustine di pinoli

In una ciotola , mettere il pane a pezzetti e ricoprirlo di latte molto caldo.
Far riposare per circa mezz'ora, se non vi sembra troppo sbriciolato lasciatelo ancora un po'.
Lavorate questo impasto ottenuto con le mani, togliendo se sono rimasti dei pezzi di croste di pane ancora interi.
Quando risulterà, morbido compatto ed omogeneo, aggiungere le uova , lo zucchero, il cacao, le uvette se avete abbastanza pinoli, potete aggiungerli all'impasto, io ho usato la bustina che avevo solo per la decorazione.
Se vedete che non è abbastanza scuro, aggiungete ancora cacao.
Mescolare bene l'impasto, assaggiare se necessitasse ancora di zucchero.
Mettere della carta forno, sulla teglia e porvi il composto livellandolo bene, ungere con pochissimo olio a filo, poi aggiungere i pinoli.


m


Porre in forno caldo ventilato, a 180 gradi x 30/40 minuti .
Controllate la cottura, non deve risecchire, ma neppure rimanere troppo morbido.
È una ricetta semplicissima, che io faccio da tutta la vita e che fa sempre stupire chi lo mangia!
Buon appetito, dalla vostra nonna Pat❤
m

giovedì 12 gennaio 2017

Polpettone al forno con 3 salse

Il polpettone per me è buono in tanti modi, questo è uno dei più semplici, leggero e gradito dalla mia famiglia .



POLPETTONE AL FORNO CON 3 SALSE





Ingredienti :
Carne di manzo tritata 600grammi
200 g mortadella
2 cucchiai di parmigiano
1 uovo
poca mollica di pane bagnata nel latte e strizzata(facoltativa)
noce moscata
poco sale e pepe



Bagnare poca mollica di pane casalingo nel latte e strizzarlo bene.
Tritare la mortadella finemente
Mescolare tutti gli ingredienti e formare un polpettone.
Mettere a riposare in frigo per un oretta, poi passarlo nel pangrattato.
In una padella mettere dell'olio a scaldare, appena è caldo porvi il polpettone e farlo rosolare da tutti i lati.
Intanto preparare una teglia da forno , con carta forno ed appena il polpettone ha preso il colore e si è sigillato bene in padella , porlo nella teglia e farlo cuocere per 30 minuti a 200 gradi avendo cura di ricoprire con altra carta forno , per favorire la cottura interna.
Questo è il sistema che uso per farlo leggero senza olio, se volete lo potete anche porre nella teglia da forno con olio pulito(non quello dove è stato ripassato in padella) e cuocere nello stesso modo.
Se lo faccio così ,metto anche mezzo bicchiere di vino bianco a temperatura ambiente a metà cottura.

Intanto preparare 3 salse
SALSA CON AVOCADO E GINGER
1 avocado a pezzetti messo nel mixer a frullare con poco limone ,ginger, oliodi oliva e pizzico di sale.

SALSA CON RADICCHIO TRVIGIANO
mezzo cespo di radicchio tagliato a pezzettini e fatto cuocere in olio con aglio sale e pepe, poi passare al mixer e porre nella salsiera.

SALSA CON CIPOLLA DI TROPEA O CIPOLLA BIANCA
tagliare la cipolla a fettine fini e mettere in una padella con olio, far cuocere dolcemente tenendo la padella chiusa con un coperchio, perchè le cipolle cuociano nell'acqua che faranno, poi scoprire aggiungere una spuzzatina di aceto balsamico,se volete aggiungere poco sale e pepe, poi frullare al mixer e servire.


Buon appetito ,dalla vostra nonna Pat


mercoledì 11 gennaio 2017

GAMBERI IN FARINA DI RISO SU PURE'DI PATATE ED INSALATINA

Sempre per fare ricettine molto buone , ma velocissime , vi suggerisco questa !







GAMBERI IN FARINA DI RISO SU PURE' DI PATATE ED INSALATINA





Ingredienti:
Gamberi qb
farina di mais
purè di patate (fatto con olio o burro a vostro piacere)
insalata gentile
salsa di soia
olio




Avevo del purè avanzato dal pranzo ed ho pensato di usarlo come base per questa semplicissima ricettina ,ed è risultato un abbinamento perfetto!


In una padella mettere olio di semi , farlo scaldare bene e mettere a friggere per pochi minuti i gamberi puliti e passati solo nella farina di riso.
Scolarli ed adagiare su carta .


Risulteranno leggerissimi e croccanti !
In un vassoio appoggiare l'insalatina gentile, salandola leggermente e poi mettere del purè di patate al centro ed adagiare i gamberi appena fritti!!



Un piatto veloce leggero e molto buono,se non volete fare un vero purè come base , potete usare anche delle semplici patate lessate ed aromatizzate con olio ed aceto balsamico .
Se avete della polenta da friggere e ci fate dei bastoncini di accompagnamento, allora sarà ancora meglio!
Buon appetito dalla vostra nonna Pat❤





lunedì 9 gennaio 2017

9 gennaio, auguri babbino!

Ieri sera, mentre nel buio, aspettavo il sonno, ti pensavo babbo, pensavo che oggi avresti avuto 94 anni, se il tumore che in 2 mesi ti ha portato via, non fosse venuto a prendere proprio te.



"La cosa più giusta al mondo, è la morte "dicevi" è così per tutti, non è giusta quando prende i giovani ed i bimbi, le mamme, ma è bello sapere che moriremo tutti , i ricchi, i superbi, i delinquenti ed i politici ", mi sa che avevi ragione!
Mentre ti pensavo, mi immaginavo come sarà andato il tuo incontro con la mamma.
Mi immaginavo tu  che con il tuo passo stanco, diventato ormai molto più piccolo del tuo 1,82, ricurvo, magro e con pochissimi capelli, appena arrivato nell'Aldilà, trovavi ad aspettarti questa bella ragazza di 33 anni , che non ha avuto la fortuna di invecchiare, che è rimasta il nostro mito e che si trovava davanti te, che potevi avere l'aspetto di suo nonno!
Mi immaginavo la sua risata allegra ed il tuo commuoverti alla vista di quella che è stato  l'amore grande della tua vita!
Immaginavo lei che aveva un adorazione per le persone anziane, che ti veniva incontro, ti abbracciava, ti consolava, perché lo so per certo che tu avresti pianto come una fontana a rivederla, ma lei ti avrebbe consolato, ricordandoti quell'anneddoto che spesso mi raccontavi!
Eravate giovani fidanzati ed andando a trovare la nonna della mamma al cimitero, ad un tratto lei si è fermata davanti ad una tomba , tu eri rimasto indietro e lei ti ha chiamato dicendoti:"Guarda Orazio, questi siamo noi 2, lei è morta giovane e lui è morto che era ormai molto vecchio, !"
Tu che eri un po'superstizioso, sei rimasto male a vedere quelle 2 foto, lei bella e giovane, lui vecchio con una lunga barba bianca e l'hai portata via di corsa, per non sentire quella che poi si è rivelata una profezia.
Adesso tutto è tornato al suo posto, lei come sempre ha avuto ragione, ma ormai finalmente siete insieme e lei sarà felicissima di avere un marito, vecchio, che non piace più a tutte quelle bellone che ti sono sempre state dietro.
Tu poi sarai felicissimo di avere accanto una bella ragazza giovane, che hai tanto rimpianto e sognato, invocandone il nome fino alla tua fine.
Sai babbo, pensandovi così insieme, mi sento serena anche se mi viene da piangere...
Chissà che bella torta ti avra preparato,  lei era bravissima a fare le torte!
Buon compleanno babbo,2 baci verso il cielo, uno per te ed uno per la tua ragazza
Patrizina tua❤

domenica 8 gennaio 2017

Viaggio di nozze, ringraziamenti e sorpresa


In pratica i racconti della "Mia Storia, sono finiti con il matrimonio e come già detto considero con questo episodio terminato "il mio libro".

Ringrazio veramente tutte con tutto il cuore, per l'affetto con cui mi avete seguita in questo periodo. E'stata un' esperienza meravigliosa, che mi ha dato tanto.
Per scrivere i vari racconti, non ho avuto bisogno di andare a cercare il mio vero libro scritto tanti anni fa, quando le mie nipoti maggiori avevano 9 anni.
Durante il percorso che facemmo per accompagnarle all'aereoporto, stringendo le loro manine mentre dormivano, ripensai ad una bambina, che aveva la loro età nel 1957 che ero io e dal giorno dopo, iniziai a scriverlo, lasciandolo poi in un cassetto.
Quando ho iniziato questo blog, non avevo nessun' idea che le dita sulla tastiera, sarebbero volate leggere, scrivendo pensieri che ancora erano chiusi in un cassetto e che volevano uscire per stare con voi!
Voi con  i vostri dolci commenti, mi avete incitata ed aiutata a scrivere episodi rimasti troppi anni nascosti e che adesso che sono stati depositati, con spontaneità, sulle pagine di questo blog, mi hanno veramente liberata da tante angosce, perché a differenza del libro, scrivendo per voi ho potuto farlo anche con ironia.
Un ultimo racconto ....poi se vorrete, vi propongo un' idea.
Ancora grazie a tutte oltre che grandi amiche siete state per me un ottima medicina ❤

Per il viaggio di nozze, noi non scegliemmo mète lontane, non usava e non avremmo avuto la possibilità! La nonna Beppina come regalo di nozze, aveva aperto la sua famosa borsa, dove teneva i soldi perché non si fidava delle banche, e ci aveva dato una cospicua cifra per l'epoca, raccomandandoci di farne buon uso.
Noi reduci da sacrifici, alluvione e divieti dei nostri genitori, ci sentimmo ricchi ed invece di fare le cose a "modino, ci trattammo benissimo"! Ah ah ah
Prima sera "Principe di Piemonte" a Viareggio, poi Hotel Laurin a S. Margherita!
Non esistevano i cellulari e quando telefonammo a casa per dire che andavamo verso una località sconosciuta a noi a quei tempi, ma dove si poteva sciare...non opposero resistenza!
"Ma quando tornate?" chiedevano "...ma l'attrezzatura per la neve?"
"Non vi preoccupate, ce la compriamo, poi vi faremo sapere"


Arrivammo a Madonna di Campiglio, era per noi un posto da sogno...ci piazzammo subito al primo albergo che ci piacque;
all''Hotel Splendid.e per 20 giorni facemmo...gli splendidi ah ah ah
Era bellissimo sapere che potevamo essere liberi da impegni, in quanto nessuno di 2 aveva un lavoro e non pensavamo minimamente di tornare!
Facevamo telefonate frettolose perché i nostri genitori ci brontolavano, volevano che tornassimo, ma  pensavamo solo per noi; soli ed innamorati!



Quando tornammo le ultime 10.000 lire, che erano rimaste, ci servirono per andare al ristorante a festeggiare il nostro ritorno...tanto sapevamo che dal giorno dopo sarebbero stati solo brontoloni e doveri!
Il mio sogno era di diventare mamma, ed infatti tornammo in 3!!!
Questa gioia che ebbi quando me ne accorsi, divenne ancora più grande perché Bruno poté chiedere il congedo e non parti per fare il militare!!!
All'inizio vivevamo in casa con i miei suoceri, ma dopo 3 mesi, poiché  lui aveva trovato un impiego da ragioniere ed io davo ripetizioni a diversi bambini, andammo a vivere da soli in una minuscola casa in affitto.
IL 16 ottobre del 1967 a due anni esatti dal nostro primo incontro ,divenni mamma!!
Poi nel '69, nacque Minimoda e nel '72 ...nuovamente mamma....furono anni molto intensi, bellissimi emozionanti e pieni di gioie e preoccupazioni come sicuramente sarà capitato anche a voi.

Ecco perché mi fermo con i racconti....perché anche voi avrete avuto più o meno le mie esperienze ed è giusto mantenere la vita delle proprie famiglie nella loro privacy, non raccontando per filo e per segno, come ho fatto con l'infanzia, episodi che non appartengono più solo a me!

Ho pensato però che sarebbe mancato a tutte non poterci più ritrovare nella nostra casa-blog ogni domenica, così se vi fa piacere potremmo sedere virtualmente ancora intorno a questo tavolo ed invece di raccontare sempre io potreste, se volete raccontare qualcosa di voi!
Per esempio, io potrei introdurre un breve commento su un argomento e voi raccontare la vostra esperienza e suggerire l'argomento della prossima domenica che ne dite ?
Vi va...? Sarebbe un po'come rispolverare quella vecchia filastrocca che diceva nonna Beppina alla fine di ogni favola:
"STRETTA LA FOGLIA, LARGA LA VIA, DITE LA VOSTRA CHE HO DETTO LA MIA!"
(Questa nuova avventura si potrebbe chiamare "Dite la vostra che ho detto la mia)

Grazie ancora e buona domenica da nonna Pat ❤vostra "Cantastorie"

Ps:dimenticavo, qualcuna mi ha chiesto come andò con la "Pseudo-matrigna" dopo il matrimonio.
Quando tornai dal viaggio di nozze, il babbo mi informò che l'aveva lasciata e che aveva preso una casina a Prato , dove già da tempo lavorava!
Benedetto uomo....ora che io non ero più con lui, aveva preso la decisione che doveva prendere da tempo ah ah....meglio tardi che mai !



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...