mercoledì 1 novembre 2017

Oggi ancor di più ho capito che aveva ragione lui !

Quando si imbronciava se vedeva che non andavamo volentieri al cimitero, non lo capivo lo consideravo egoista ! Non sempre aveva ragione nelle sue critiche o nei suoi continui insegnamenti, ma devo ammettere che il più delle volte era sulla strada giusta.
Tornando a casa, mentre eravamo in autostrada,a fine giornata, mi commuovevo pensandoci!


Oggi mentre guardavo le mie nipotine , correre a cercare volti di parenti, nomi e date di bambini volati in cielo, un gatto che si aggirava tra le tombe, un tipo severo che assomigliava a mio nonno ed anche lui aveva lo stesso cognome, mentre volevano che raccontassi loro storie su quei parenti....ho capito che aveva ragione lui.
Credo che per mio padre oggi sia stata una bellissima giornata, calda e piena di sole ad illuminare la sua casa e noi che andavamo e tornavamo da un parente all'altro, facendo sempre capo a casa sua.
Le bambine erano contente perchè Settignano non fa paura anzi c'è un aria bellissima ed il sole ha contribuito a rendere tutto più facile.
Aveva ragione lui.quando diceva che bisogna insegnare ai bambini ad andare al cimitero e far conoscere i propri antenati...io lì gioco in casa sono tutti vicini.
"Venite vi porto a trovare il nonno Oreste " ho detto e loro
" Fammelo vedere, ma era un pò serio , invece la zia Bianca è molto sorridente !!"
" Questo è lo zio Orlando, ma perchè è con la nonna Olimpia e non è insieme a sua moglie Bianca ?   E'insieme alla sua mamma ,perchè voleva più bene a lei che alla moglie ??" ah ah
Ed allora a spiegare che non c'era posto e la zia Bianca è morta che aveva già 90 anni ed è andata da sola ! " Sai nonna , è bello vedere che tutti ridono, non sono tristi, vuol dire che sono felici "
" Ma questo nonno Faustino è serio come il nonno Oreste, era infelice ? "
" No amore era il mio bisnonno e dice che fosse buonissimo, ma come il nonno Oreste che era suo figlio,aveva un aria severa "E racconta racconta, ho presentato loro anche lo zio Osvaldo che è insieme alla zia Giancarla.
" Nonna, ma questa è la tua zia giovane che ti fece la sorpresa del vestitino per Natale ?"
 " Si amore, è lei hai visto come era bella ? "
"Ma, dove c'è il nonno Orazio, che poi sarebbe i nostro bisnonno, c'è anche la bisnonna Marisa e la Beppina e Baldo se erano nonni tuoi cosa sarebbero per noi?"
Quando mai avrebbero avuto la voglia di sapere tutte queste cose se oggi non fossero venute quassù?
Avevi ragione caro babbo,è bello conservare le nostre radici ed insegnarlo ai figli e nipoti, che avendone memoria forse non le disperderanno.
Bisognava arrivare alla mia età e trovarsi oggi a camminare per mano alle mie nipotine o vedere mia figlia che spiegava loro cosa si ricordava di questo giorno quando ci veniva con te, per farmi ammettere che sei stato veramente GRANDE !!
Tua nonna Pat❤

8 commenti:

  1. Cara Pat!Mi hai appena salutato in pagina e mi affretto a commentare. Io NON amo andare ai cimiteri. Ho i miei cari genitori ambedue sepolti nel cimitero di Numana (AN). Babbo è morto ad Ancona nel 1994 e mamma in Olanda nel 2001 ma l'abbiamo fatto venire qui in Italia nella tomba di famiglia. Vorrei andarci nei prossimi giorni. Rimando per non incontrare purtroppo dei parenti miei invidiosi.... Non mi dilungo su questo argomento purtroppo. Ci sarebbero da scrivere tante pagine! Il cimitero è molto bello quasi vicina al mare ed anche tanti stranieri, amanti della nostra Riviera del Conero, hanno scelto questo posto. Oggi c'è stata un'altra scossetta purtroppo e ciò non fa molto bene al nostro sistema nervoso. I miei pensieri vanno a questa povera gente. Un bacio mio cara amica!

    RispondiElimina
  2. Ciao Marcellina, hai tantissime ragioni a comportarti così, non sempre si hanno parenti bravi.
    Mi dispiace per questa difficile situazione. ...è veramente una tragedia e credo sia difgicile anche per voi che siete vicini!
    Un grande abgraccio
    Pat❤

    RispondiElimina
  3. Buongiorno cara Nonna Pat
    Che bella sorpresa
    IERI ti ho pensato più del solito perché sapevo esattamente doveri ,ma non immaginavo la tua contentezza nel raccontare le radici alle tue nipotine
    Dev'essere così la giornata e il periodo che festeggiamo i nostri cari
    Ricordi racconti con un pizzico di nostalgia, ma onorarli con il nostro ricordo che portiamo ogni giorno
    UN abbraccio forte forte alle tue nipotine e a te naturalmente ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Katia, svusa se ti rispondo con ritardo, ma sono una nonna anomala, troppe cose da seguire.
      È stata veramente una bella giornata quella di Ognissanti, le mie nipotine sono state contente ed interessate e questo mi ha riempito di orgoglio, ormai al cimitero si incontrano solk persone anziane!
      Un grande abbraccio e grazie delle tue affettuose risposte, tua nonna Pat❤

      Elimina
  4. Condivido bogni tua parola. Ho sempre portato i bimbi nel nostro piccolo cimitero là nelle marche, e loro amavano ascoltare i miei racconti. È vero, dobbiamo trasmettere il senso delle radio e dell'importanza. Della famiglia ed anche far capire, specie chi ha fede, che la morte non è una fine
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così cara Emanuela , che cristiani saremmo se pensassimo che non c'è un domani.
      Non sempre i figli hanno voglia di mantenere queste abitudini, ma quando lo fanno è una vera gioia!
      Bacioni, Pat❤

      Elimina
  5. Daniela Giovannini2 novembre 2016 06:57

    Cara Pat anch'io condivido ciò che hai detto....è giustissimo trasmettere il culto dei morti ai nostri figli e nipoti perché vuol dire non dimenticare le nostre rradici. Io, però, non ci sono riuscita. Vado sola soletta a trovare i miei nonni e i miei genitori e lo faccio quasi ogni settimana.... esattamente come favevo quando mia madre era in vita e dovevo accompagnarla perché non poteva andarci più da sola. Prima lo facevo un po di mala voglia....adesso è un appuntamento al quale non riesco a mancare e del quale ringrazio mia madre per avermelo insegnato. È un modo per stare un po con loro e dedicare loro ancor una volta un pò del mio tempo. Si cambia con lo scorrere degli anni e si apprezzano gesti e riti ai quali non davi importanza, ma che invece fanno parte di te e della memoria che ti è stata lasciata in eredità!

    RispondiElimina
  6. Cara Daniela, oggi i giovani vanno pochissimo al cimitero, non è un caso il tuo, anche mio figlio, forse perché lontano, non ha tradmesso questo dovere/piacere, mia figlia invece ci tiene tanto.
    Alla nostra età si percepiscono cose che prima ci sembravano superflue, forse così faranno anche i giovani che oggi la pensano diversamente.
    La tua mamma ed il mio babbo si assomigliavano negli insegnamenti e noi siamo sempre state attente a non dispiacerli, per poi capire che dal dovere che pensavamo che fosse, si è trasformato in un piacere, !
    Come è strana e bella la vita !! Baci😚😚😚😚

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...