mercoledì 26 luglio 2017

La cugina COSETTA

La cugina preferita della mamma, si chiamava Cosetta...nome azzeccato in pieno, perché era piccolina e magra...e per di più bruttina ...una cosetta di nome e di fatto.
Era comunque molto intelligente e tanto affezionata alla mamma....aveva il problema che non essendo una bellezza, non aveva ancora trovato marito.
Veniva spesso dalla mamma a raccontare i suoi problemi di amore ed io naturalmente assistevo alle loro chiacchierate, provavano a mandarmi via con qualche scusa...ma quando mai una bambina curiosa, dà retta??
Ogni volta aveva un problema di amore, od aveva trovato uno sposato che non glielo aveva detto, o li trovava troppo brutti, perché quelli che piacevano a lei non la volevano...
Gli anni passavano e lei era sempre più preoccupata di non trovar marito.
Aveva un altra cugina che viveva in Australia e che aveva parlato molto bene di lei ad un vedovo italiano, che sarebbe dovuto tornare in Italia in un anno o due.
La Cosetta pregava la mamma di scrivere qualcosa di carino a questo tizio, perché lei era bravissima in matematica, ma non sapeva per niente scrivere; veniva con carta e penna dalla mamma e si faceva dettare lettere prima semplici, poi via via che lui si innamorava di questa meravigliosa ragazza italiana e del suo modo di scrivere, le lettere che la mamma scriveva per lei diventavano sempre più lunghe e più belle.
Il babbo brontolava, non voleva che la mamma si prestasse a questo gioco ...forse era anche geloso, ma la Cosetta faceva così pena e tutti volevano che si sistemasse una volta per tutte, che la mamma continuò ad aiutarla.
Quando IL TIZIO ...venne in Italia e vide la Cosetta che dal vivo era molto più brutta della foto che si era fatta fare dal fotografo un po' di lato, perché si vedessero i capelli unica cosa bella di lei...rimase molto deluso ...ed ancor più deluso quando nel modo di esprimersi non ritrovò più la donna di cui si era innamorato.
Dopo un po' che si frequentarono, il tizio si dileguò e la Cosetta tornò a piangere dalla mamma, davanti ad una tazza di the nel salottino da fumo....e continuò a piangere anche in primavera ..in giardino seduta sotto il nespolo!!!

la mamma...

Io scuotevo la testa a vedere quelle due abbracciate sulla panchina e pensavo che fortuna mi era capitata ad avere una mamma così bella e brava...perché io la cugina Cosetta e tutti i suoi fidanzati immaginari ...era da un po' che gli avrei mandati a fare un giro!!!
Ma forse no...perché anch'io volevo bene a quella...cosetta...l'unica cosa che decisi è che non volevo rimanere zitella ...perché doveva essere troppo brutto non avere un marito accanto andare a letto sola tutta la vita ..e non avere figli....io un fidanzato me lo dovevo trovare presto finchè ero bellina !!!
A 18 anni mi sono sposata a 19 sono diventata mamma, mi ero messa avanti..avevo trovato subito il ragazzo dei miei sogni...andare a letto sola e non avere figli ...non sarebbe piu' stato per me un problema!....Povera Cosetta con tutti i suoi piagnistei, mi aveva fatto capire fin da piccola cosa desideravo piu' di tutto dalla vita !
Oggi bo mantenuto la promessa non vi ho fatto piangere ! Buona domenica dalla vostra nonna Pat cantastorie per amore !♥

24 commenti:

  1. Patty ma che bella storia hai raccontato, mi hai fatto ridere quando parlavi della cugina Cosetta e mi hai fatto emozionare quando dalle tue parole è emerso il grande amore che hai per tuo marito e per la tua famiglia- quanto mi piaci- bacioni e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabriella ..ah ah ...oggi abbiamo riso la cugina Cosetta era veramente la tipica zitella di quando eravamo bambine noi...".tipo ragazza dalle belle ciglia tutti la vogliono e nessun la piglia "ah ah.....un sospiro di sollievo quando io ho incontrato il mio principe azzurro ♥ baci bella grazie del tuo simpatico commento tua Pat♥

      Elimina
  2. Che bella storia...vera, l'importante e' che tu sia felice,e questo si vede e si legge dai tuoi scritti molto belli e pieni di amore.Buona domenica cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mia dolce Papavero alias Rosaria....questo è il mio carattere....sono molto contenta di come è stata la mia vita...non uso la parola "felice"per scaramanzia come avrai letto nel mio racconto
      19 giugno 1957!.....ti ringrazio molto del commento e ti mando un grande abbraccio tua Pat ♥

      Elimina
  3. Bellina anche la storia di oggi... E tanto felice per te, che hai realizzato i tuoi sogni!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina grazie....sono contenta ti sia piaciuto il racconto di oggi...mantenuta la promessa questa volta non era da ridere ah ah bacio buona domenica ♥

      Elimina
  4. Pat....la mia cantastorie preferita bellissima favola.
    Per ribadire le nostre similitudini ,devo dirti che anche la mia mamma aveva una cugina rimasta zitella.
    Si chiamava Margherita ,a dispetto del suo nome ,anche lei era bruttina .
    Faceva la maestra di campagna ,insegnava nei piccoli paesi dell' entroterra ligure .
    Nelle località dove lavorava era considerata una personalità locale .....ma aveva un problema si innamorava sempre dei preti!!!!
    Ahahahahahah ovviamente quando e' morta ha lasciato tutto alla Curia!!!!!!!
    Ciao Pat ,anche oggi mi sei piaciuta un sacco!!!!!! Bacioni!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiziana e ti pareva che noi non avessimo anche una cugina zitella in comune ah ah ♥
      La Cosetta invece chiese a noi figli di cugini di essere accolta in casa per la sua vecchiaia ....uno che ha accettato..lo avranno fatto santo...a reggerla l'eredità se l'è guadagnata tutta ...poverino
      ah ah baci buona domenica bacioni e grazie ♥♥♥

      Elimina
  5. Un racconto che appunto testimonia ancor di più come si sentiva allora una donna che non trovava marito!Ma poi che ha fatto Cosetta?E' rimasta zitella o alla fine ha trovato qualcuno?Però mi fa tanta tenerezza,magari non era bellissima ma aveva un cuore grande e tanto amore da dare!Baci e buona domenica!

    RispondiElimina
  6. Rosetta Cosetta era veramente molto buona ....ma un po pesantina da reggere almeno per me ...ha continuato a parlare dei suoi amori impossibili fino alla vecchiaia che ha passato in casa di un bisnipote molto paziente ah ah ...grazie del tuo commento mi fa sempre molto piacere incontrarti baci e buona domenica anche a tePat !

    RispondiElimina
  7. Daniela Giovannini24 agosto 2014 12:00

    troppo belli questi tuoi racconti...e molto bella, come sempre, la tua mamma, che nella foto in alto credo sia quella seduta sul bracciolo della poltroncina.
    Anche in casa mia abbiamo avuto la mia zia Fedora che è rimasta zittella e che se ne è andata quest'anno alla bellissima età di 98 anni....anche lei non era bella, ma non credo che in gioventù abbia pianto molto sui suoi problemi amorosi...anzi...credo che sia stata comunque capace di arraffare qualche ragazzotto che poi ha scaricato proprio lei.....ahahahah...nonostante non fosse poi tanto bella, vivendo all'estero ha saputo aprire i suoi orizzonti e cercato di divertirsi senza cercare più di tanto un uomo con il quale sistemarsi. Buona domenica cara Pat <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela a quanto vedo ero quasi una regola per le nostre mamme avere una parente zitella ah ah , ma Cosetta a differenza della tua era invecchiata rimpiangendo l'amore che non aveva mai trovato....era simpatica anche se logorroica ah ah ....credo che non abbia avuto esperienze come la zia ah
      Ah e questo l'aveva veramente resa "La classica zitella"un po pesantina da reggere.....è invecchiata in casa di un figlio di una cugina dell'altro suo ramo di parentela......sicuramente ...lui si è conquistato il paradiso...ah ah grazie del tuo commento....mi fa sempre un pacere immenso leggere cosa mi scrivi
      un bacione e bhona domenica anche a te cra dolce Daniela ♥

      Elimina
  8. Povera zia e..povera la tua mamma !!! .Mi sembra di vederti buona buona in disparte con occhietti furbi:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah Nicole...buona buona è una parola grossa perché era difficile tenermi in disparte ah ah con gli occhi furbetti sicuramente...stavo prendendo nota per scrivere quezto blog per voi 50 anni dopo !
      Grazie del commento un bacione Pat♥

      Elimina
  9. Eccomi cara Pat! Ma come sei brava a scrivere oltre a cucinare naturalmente. Tu e tuo marito siete una bellissima coppia che ho avuto la fortuna di incontrare personalmente lo scorso dicembre. I tuoi racconti e le tue ricette mi tengono molta compagnia e ogni giorno controllo se c'è un tuo scritto. Grazie amica mia carissima..... a presto!!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marcella ti sono molto grata peri tuoi affettuosi commenti.....è abbastanza impegnativo per me lavorare ed ora che non c'è mia figlia postare tutte queste foto e racconti, ma sono molto orgogliosa di esserci riuscita.Sapendo che ogni viorno mi aspetti impegnerò per non deluderti ! Un bacione cara fedele amica tua Pat ♥

      Elimina
  10. Bellissimo racconto che dà un senso nuovo a questa domenica d'estate.
    Brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lorenza, scrivere e cucinare sono le passioni della mia vita, ma se dovessi scegliere tra le due cose..sicuramente....scrivere per me è vivere...è un vizio di famiglia vedi anche mia madre scriveva lettere per conto della cugina ah ah buona domenica Pat

      Elimina
  11. Buonasera cara Nonna Pat, mi chiamo Silvia, ho 36anni e sono capitata x caso nel suo fantastico blog mentre cercavo in rete notizie sulla Camargue. Fra una settimana ci andro' con marito e figli, x la prima volta e le sue dritte mi saranno di grande, grandissimo aiuto! Il suo Blog è molto bello e molto interessante, Ha un modo di raccontare coinvolgente e dinamico: avrei letto della Cugina Cosetta almeno altre mille righe! Buona continuazione
    Silvia.

    RispondiElimina
  12. Grazie Silvia mi fa molto piacere esserci trovate...come avrai visto sono una nonna innamorata della cucina della scrittura e dellla Camargue ....e sopratutto delle 5 nipoti 3 di cui lontane per le quali è nato questo blog...mi definisco nonna cantastorie e ricevere i tuoi complimenti per il racconto è per me una grande gioia!Ti do del tu ho una figlia di 42 ed un figlio di 46 ah ah per me sei una bimba ! Se mi seguirai mi fara molto piacere , se mi vuoi chiedere altre informazioni sulla Camargue..non fare complimenti! Dammi del tu....grazie un bacione Nonna Pat♥

    RispondiElimina
  13. Prima di tutto bellissima la tua mamma
    E il tuo racconto. ..sapore di "piccole donne " un libro che ho letto e riletto. ....uno dei miei libri preferiti ed ho la fortuna di avere in una edizione vecchia. ...
    Povera Cosetta.....sarà stata pesante. ...ma una vita a cercare l'anima gemella...l'hai mai pensata su nel cielo magari ha trovato il suo principe azzurro li e ora racconta la sua felicità a tutti. ....ma...
    Un bacio nonna cantastorie

    RispondiElimina
  14. Vero Katia , la mia mamma era bellissima...io la ricordo sempre bella perchè essendo morta a 33 anni , non so immaginarla vecchia !!
    La Cosetta spero che almeno in cielo abbia trovato un bel principe azzurro...ma con tanta pazienza , perchè oltre a non essere bella ,aveva anche un caratterino !!
    Baco Pat

    RispondiElimina
  15. Mi dispiace molto per la tua mamma....così giovane un bacio

    RispondiElimina
  16. Grazie Katia ..la vita va , non sempre come si vorrebe , ma poi ti rende anche quello che ti ha tolto !!
    Se un giorno vuoi sapere come andò leggi il post"!9 Giugno 1957"...ma non ti voglio rattristare ..perciò puoi anche sorvolare !!
    Un bacio grandissimo ..sei dolcissima tua Pat <3

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...